Portofino, ambientalisti in guerra - LevanteNews
LA REDAZIONE
010 8935042 Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

Portofino, ambientalisti in guerra

Il tutto si trascina da tempo senza dichiarazioni ufficiali e senza che i media si occupino della faccenda. Ma sul Monte di Portofino divampa la polemica. Tra ambientalisti. Sono lontani i tempi in cui Mario Fazio, presidente di Italia Nostra, imponeva il carisma che l’associazione sembra ora avere perduto.  Nell’Isola di Camogli, è stata recentemente aperta una finestra, nessuno ha fiatato e il passa parola scandalizzato della gente non è neppure arrivato nelle pagine dei giornali locali. L’apertura di una nuova finestra in una casa, sia pure in una zona tutelatissima, potrebbe avere delle giustificazioni di carattere igienico. Sul Monte invece accade di tutto, come la pedonale trasformata in carrozzabile in località Castellaro sotto l’istituto alberghiero, senza motivi giustificabili e nel più totale silenzio.

A far discutere è tuttavia la monorotaia che, a San Fruttuoso, oltre sbarrare un sentiero e costituire un pericolo, sale ad un edificio costruito (o ricostruito) con tutte le benedizioni e permessi degli Enti preposti in un punto dove il paesaggio avrebbe dovuto essere rigorosamente tutelato. Monorotaia che è stata realizzata nel massimo silenzio senza che nessun comunicato ne desse notizia e che da provvisoria sta diventando definitiva. Oltrettutto il fabbricato che se ne serve, ha utilizzato anche l’elicottero, un tempo vietato sul monte e contestato dagli stessi ambientalisti che poi lo avrebbero invocato.

Guerra tra ambientalisti, testimoni muti gli abitanti di San Fruttuoso che dal rigore assoluto assistono ora a concessioni ritenute inutili. La politica dei due pesi e due misure. L’albergo progettato a Portofino migliorerebbe l’aspetto della piazza di accesso al Borgo, oggi simile ad una periferia di città. In questo caso c’è chi contesta (vedi gli articoli di Piero Ottone su la Repubblica) ma nel cuore del Monte e del parco si può fare ciò che altrove si vorrebbe vietare. Il tutto in un silenzio impenetrabile.

marco massa