Camogli, via Repubblica è boom - LevanteNews
LA REDAZIONE
010 8935042 Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

Camogli, via Repubblica è boom

La maggiore apertura al traffico veicolare di via della Repubblica, nel centro storico di Camogli, non sembra avere apportato i vantaggi che alcuni commercianti della zona speravano; anzi. Dal 15 giugno, come promesso dall’assessore Pippo Maggioni che aveva voluto la pedonalizzazione della strada ottocentesca per rilanciarne il commercio, resterà aperta sino alle 11 del mattino e non più fino alle 13.

Nuovi negozi, uno di abbigliamento, uno di telefonia, un ristorante e la presenza di dehors di cinque esercizi pubblici, sono il segno evidente che molti esercenti credono in questa isola pedonale che durante gli scorsi fine settimana si è andata animando, diventanto un polo di attrazione. Cosa certo che spiace ad alcuni bottegai di altre zone.

Camogli fu la prima cittadina della Riviera ad istituire un’isola pedonale sul lungomare e fu contestata per anni da chi aveva un negozio e il paraocchi; oggi sarebbe impensabile il transito di auto. Le isole pedonali, più o meno estese, di Sestri Levante, Lavagna, Chiavari, Zoagli, Rapallo e Santa Margherita, contestate alla loro istituzione, sono diventate dopo pochi anni importanti centri commerciali. Basterebbe guardarsi attorno, andare ad esempio a Portovenere per avere altre conferme.

Parte dell’amministrazione camogliese sembra ascoltare più i commercianti, buona parte dei quali residenti in altri comuni, che altre categorie di abitanti quali pendolari, casalinghe o pensionati. Per ottenere maggiori incassi, basterebbe forse sorridere, contenere i prezzi, osservare orari più elastici senza chiudere le porte in faccia ai clienti per ottenere maggiore incassi. Commercianti capaci a Camogli ve ne sono molti, contano su acquirenti che arrivano espressamente da altri comuni per servirsi nei loro esercizi.

E’ impensabile che i camogliesi debbamno adattarsi alle presunte esigenze dei commercianti quando la categoria sembra partecipare in minima misura alle iniziative della città. A differenza di Recco dove ad esempio i panificatori mettono sempre a disposizione i loro prodotti, almeno in concomitanza di iniziative promozionali.