Valdesi, cimitero abbandonato - LevanteNews
LA REDAZIONE
010 8935042 Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

Valdesi, cimitero abbandonato

Sul sito Internet, e soprattutto con pubblicità a pagamento sul quotidiano piemontese, i Valdesi lanciano lo slogan “Facciamo qualcosa di laico”, invitando i contribuenti a devolvere alla Tavola valdese il 5 e l’8 per mille in occasione del pagamento dell’Irpef.

Forse sarebbe bene facessero anche un gesto di pietà nei confronti dei loro morti che riposano nel piccolo cimitero di Castello, a Favale in Fontanabuona (Genova). Qui i Valdesi eressero un tempio nel 1850, furono perseguitati e subirono anche il carcere.

 Il cimitero è curato dal Comune, con i modesti mezzi di cui dispone. Avrebbe bisogno di un restauro, del ripriostino delle poche tombe sopravvissute al tempo ed ai vandali. Quanto all’antico tempio ed alla annessa casa del pastore e del maestro, che insegnava a scrivere ai fedeli perchè potessero leggere direttamente la bibbia, è stato sottratto al completo degrado da un privato. Ai Valdesi del loro passato e dei loro morti non sembra importare molto.