Strade: attenti al giro - LevanteNews
LA REDAZIONE
010 8935042 Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

Strade: attenti al giro

GIRO D’ITALIA: LIMITI E DIVIETI DI TRANSITO PER LE DUE TAPPE IN PROVINCIA DI GENOVA

Genova, 15 – Arriva il Giro del centenario in provincia di Genova, con il traguardo della Torino-Arenzano il 20 maggio e la partenza il 21 da Sestri Levante della cronometro individuale che si concluderà a Riomaggiore e il passaggio dei campioni del Giro d’Italia, che la Provincia ha promosso sul suo territorio con i due Comuni di Arenzano e Sestri Levante  d’intesa con l’organizzazione della corsa, istituzioni locali, federazioni e associazioni sportive sarà accompagnato da una serie di provvedimenti di divieto di transito e sosta per garantire il regolare svolgimento della corsa rosa e tutelare l’incolumità pubblica.

In particolare per la Torino-Arenzano, che entrerà in provincia di Genova dalla Valle Stura con i primi passaggi intorno alle 16.15 del 20 maggio e terminerà sul lungomare Stati Uniti di Arenzano alle 17.30,
come disposto dalla Prefettura sarà vietata la circolazione nei due sensi marcia sulle provinciali 456 del Turchino e 1 Aurelia, esclusivamente per il tempo necessario al transito dei corridori. Il giorno successivo, per la Sestri Levante-Riomaggiore a cronometro, il tratto ‘genovese’ della provinciale 1 Aurelia da Sestri Levante verso il Bracco sarà chiuso al transito dalle 6 alle 20  (per tutte le 24 ore del 21 maggio, invece, il versante spezzino) e la Provincia di Genova, nelle stesse ore, istituirà divieti di sosta sugli ultimi tratti (da
300 a 500 metri) delle provinciali 38 di Novano, 60 di Masso, 55 di Moneglia e 68 del Facciù che s’innestano – le prime due da Casarza Ligure e Castiglione Chiavarese, le altre salendo da Moneglia – sull’Aurelia verso il Bracco. “Questo provvedimento che riguarda strade a carreggiata ridotta” –  spiega l’assessore Piero Fossati – “ha lo scopo di garantire la possibilità d’intervento ai mezzi di emergenza e soccorso che potrebbero invece essere ostacolati o bloccati dai veicoli in sosta ai bordi della strada”. Sull’Aurelia, inoltre, la Provincia “anticipando una parte degli interventi di manutenzione della rete già programmati per il 2009 ” dice l’assessore – “è intervenuta con rifacimenti del manto stradale che riguardano dodici chilometri, sui tratti di nostra competenza verso il Bracco, della tappa a cronometro e otto chilometri a ponente, sul percorso della Torino-Arenzano oltre
alle riasfaltature, nel centro abitato di Masone, sulla provinciale del Turchino”. Da quest’ultima, nel tratto alessandrino, i corridori faranno una breve deviazione, di circa 3,8 chilometri a Belforte nell’ovadese, percorrendo un anello della viabilità comunale per aggirare una grossa frana abbattutasi nella località Gnocchetto, mentre la carovana del Giro transiterà in autostrada da Ovada a Masone, dove tornerà sulla provinciale del Turchino. “La Provincia di Alessandria ha avviato gli interventi per il ripristino della strada e del versante ” ha detto Piero Fossati (al quale ha chiesto informazioni anche il presidente del Consiglio Provinciale di Genova, Agostino Barisione) – e prevede di  riaprire il transito tra la fine di maggio e i primi giorni di giugno. Il sindaco di Belforte ha intanto esteso nella sua ordinanza la possibilità di accesso al percorso alternativo comunale non solo ai residenti, ma anche a chi è diretto all’ovadese dalla nostra provincia per motivi di studio, lavoro e familiari.

Per le due tappe del Giro d’Italia saranno ovviamente molte le modifiche alla viabilità e i divieti di sosta e di transito nei Comuni di Arenzano e Sestri Levante che raccomandano agli appassionati della corsa rosa “vi aspettiamo in tanti, ma non venite in auto.” Sui siti on line dei due Comuni (www.arenzano.ge.it e www.comune.sestri-levante.ge.it) tutte le informazioni su divieti, accessi e parcheggi in occasione delle tappe del Giro.