CAMOGLI IN FESTA PER TOLOMEI SANTO - LevanteNews
LA REDAZIONE
010 8935042 Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

CAMOGLI IN FESTA PER TOLOMEI SANTO

 CAMOGLI – La comunità monastica di San Prospero in festa per la canonizzazione di Giovanni Tolomei fissata dal Santo Padre il prossimo 26 aprile a Roma. Si deve proprio a Tolomei la fondazione della congregazione Benedettina Olivetana di Monte Oliveto. Il beato nato a Siena nel 1872 dopo aver ricoperto diverse cariche pubbliche, compresa quella di podestà, decise di dedicare la sua vita alla preghiera e al prossimo fondando l’abbazia di monte Oliveto. Il miracolo si verificò a Camogli nel 1946 dove un ragazzo sedicenne “fratino”, Giuseppe Rigolin, venne colpito da una grave infezioni intestinale presto degenerata in peritonite che provocava continui conati di sangue. La guerra era appena finita, le risorse a disposizione poche, i sanitari accorsi al capezzale del giovane “scossero la testa” le condizioni erano disperate. Poche le speranze di salvezza. Non restava che la preghiera. Dopo due giorni di intense orazioni il giovane miracolosamente guarì tanto da essere ordinato in seguito sacerdote. Un miracolo riconosciuto dalla chiesa e testimoniato, tra gli altri, da due medici camogliesi Vittorio Mortola e Antonio Olivari che confermarono l’evento. I lavori relativi al riconoscimento della grazia svolti dal tribunale diocesano genovese sono stati inviati, alcuni anni fa, in Vaticano dove Papa Benedetto VI ha deciso di procedere alla santificazione di Giovanni Tolomei il prossimo 26 aprile.

DON BEDA

 “Una grande gioia – spiega il padre superiore don Marco Beda Pucci – abbiamo deciso di commemorare l’evento in occasione della festività di San Prospero in programma a settembre”. Sabato 12 presso il monastero sarà organizzato il primo convegno sullo studio del libro antico. Presenti il professor Giorgio Picasso, preside emerito della facoltà di lettere dell’università Cattolica di Milano e don Teodoro Muti. Al termine delle relazioni sarà inaugurata la mostra di alcune pergamene e libri antichi che rimarrà aperta sino al 19 settembre tutti i giorni dalle ore 16 alle 18. Domenica 13 inoltre nella chiesa del monastero sarà scoperta una targa a ricordo del miracolo avvenuto nell’antica abbazia. Nel 2008 il monastero di San Prospero ha festeggiato i primi 125 anni della sua storia. Oggi oltre essere un luogo di preghiera, in seguito a lavori di ristrutturazione, può contare su una foresteria con otto camere