Archivio Storico

In questa pagina sono elencati i vecchi articoli pubblicati all'interno del nostro giornale, seleziona il mese e clicca sul titolo per leggere quelli che sono di tuo interesse oppure effettua una ricerca tra gli oltre 42.800 articoli storici.


Cerca le seguenti parole ('%' e` il carattere jolly):

» Torna all'elenco dei mesi «


Rapallo: "Serve un ufficio turistico più dignitoso"

del 27-04-2011

 Dall'ufficio stampa del Gruppo regionale "Noi con Claudio Burlando" riceviamo e pubblichiamo 

“Purtroppo le lamentele che ricevo da turisti e operatori del settore sono continue e come ho potuto constatare di persona sono condivisibili”

Il consigliere Armando Ezio Capurro ha presentato una interrogazione sul funzionamento dell’ufficio IAT di Rapallo.

Capurro ricorda come il turismo sia uno dei settori trainanti dell’economia ligure, in modo particolare il Tigullio e Rapallo, da sempre, sono tra le località turistiche liguri più rinomate, meta di pregio nazionale ed internazionale.

“Il Compito dell’ufficio Iat è quello di rappresentare – afferma Capurro - il punto di raccordo tra l’utenza, i servizi che la città offre e l’ente pubblico, ma in buona parte viene disatteso”.

L’utenza risulta essere insoddisfatta dalla tipologia di servizio offerto (orario di apertura, strumenti e metodi di comunicazione, accessibilità e ubicazione dell’ufficio), per non parlare della chiusura domenicale, da sempre la giornata che vede il maggior afflusso di turisti. L’attuale orario prevede, invece, l’apertura dell’ufficio il lunedì dalle ore 8.00 alle 14.00 e da martedì a sabato dalle ore 8.00 alle 14.00 e dalle 15.00 alle 17.30;

“Sovente l’ufficio rimane chiuso, specialmente di pomeriggio – continua Capurro - per mancanza di personale dirottato in altri Comuni, causando una infinità di lamentele, con grave danno di immagine alla città, immagine conquistata dopo decenni di dedizione e di buon servizio”.

Infine i locali che ospitano lo Iat di Rapallo non sembrano essere consoni al prestigio e all’importanza della città, sia in termini di accessibilità che di spazi per non parlare della mancanza di un’adeguata cartellonistica che indichi in modo esaustivo la presenza delle strutture alberghiere.

“Alle lamentele dei turisti – conclude Capurro – bisogna pertanto aggiungere quelle degli operatori commerciali delusi del fatto che l’ufficio finisce per non adempiere ad una delle sue finalità principali: informare e promuovere Rapallo e le attività turistiche della città”.