Archivio Storico

In questa pagina sono elencati i vecchi articoli pubblicati all'interno del nostro giornale, seleziona il mese e clicca sul titolo per leggere quelli che sono di tuo interesse oppure effettua una ricerca tra gli oltre 42.800 articoli storici.


Cerca le seguenti parole ('%' e` il carattere jolly):

» Torna all'elenco dei mesi «


Porto di 'Santa': progetto ancora incompleto

del 21-04-2011

Dall'ufficio stampa di Santa Margherita Ligure riceviamo e pubblichiamo

In relazione al comunicato stampa emesso oggi dall'associazione "Amici del Monte di Portofino", ripreso poi a ruota da un altro movimento politico, in cui si fa riferimento al fatto che il Comune di Santa Margherita Ligure avrebbe comunicato "che continua ad essere "secretato" il sedicente progetto dell’ampliamento del Porto di S. Margherita Ligure", il Sindaco Roberto De Marchi desidera precisare alcune verità essenziali al corretto svolgimento del dibattito. 

A quanto seguirà deve essere premesso che l'accesso agli atti non è disciplinato da alcuna decisione del Sindaco, della Giunta o del Consiglio Comunale. Quanto affermato dal sig. Carannante del Partito Comunista dei Lavoratori, ossia che "Il rifiuto del Comune di Santa Margherita Ligure di fare visionare ai cittadini la documentazione sulla nefasta speculazione (...) è la controprova della inqualificabile vergogna che l’Amministrazione deve avere ad assumersi la responsabilità di partecipare moralmente ad un delitto irreversibile del nostro territorio etc. etc." è semplicemente privo di senso. 

Quanto sopra induce tuttavia il Sindaco a chiarire che "gli uffici competenti hanno giudicato incompleto quanto ad oggi depositato dalla Santa Benessere & Social, e provveduto pertanto a richiedere alla stessa un'integrazione documentale per poter avviare la procedura di pubblicazione. Una volta pubblicato il progetto sarà accessibile a chiunque ne faccia richiesta, anche ai fini di effettuare le osservazioni che si riterranno opportune nei tempi previsti dalla normativa. Il mio appello a un dibattito sereno e civile rimane non solo attuale e rivolto indistintamente a tutti, ma trova ampio conforto e assoluta garanzia nella condotta neutra, appropriata e attenta di tutto l'apparato comunale".