Archivio Storico

In questa pagina sono elencati i vecchi articoli pubblicati all'interno del nostro giornale, seleziona il mese e clicca sul titolo per leggere quelli che sono di tuo interesse oppure effettua una ricerca tra gli oltre 42.800 articoli storici.


Cerca le seguenti parole ('%' e` il carattere jolly):

» Torna all'elenco dei mesi «


Recco: il bilancio consuntivo nei giudizi politici

del 19-04-2011

Il bilancio consuntivo 2010 del Comune di Recco ha chiuso con un avanzo di 621.193,12 euro e l'accantonamento di liquidità, in base a quanto stabilito dal "patto di stabilità" sale a 2.850.000 euro (inspendibili). Per l'assessore alle Finanze Gian Luca Buccilli, il bilancio non è fatto solo di una sintesi economico-finanziaria ma deve riuscire a far capire se gli obiettivi sono stati tradotti in risultati concreti.

I successivi interventi. Luciano Caddeo esprime un giudizio negativo; anzi, il più negativo degli ultimi 66 anni a causa delle risorse  spese ad unico beneficio di "un inutile barcasilo" che paralizza gli altri interventi. Anna Oneto critica un funzionario (forse ciò deve avvenire in una seduta a porte chiuse) che si ritiene soddisfatto degli obiettivi raggiunti nonostante  le aiuole di via Roma siano trascurate e la raccolta differenziata sia deludente. L'assessore Franco Senarega assicura che i risultati sulla differenziata sono positivi e che occorre considerare i numeri e non le impressioni; quanto alle aiuole quattro soli operai devono sfalciare 25 chilomtri di pedonali; se qualcuno ha un sistema per ottenere risultati migliori lo suggerisca. Stefano Bersanetti dice che l'opposizione ha espresso banalità, ovvietà, battute grezze e becere. Paolo Badalini riporta il dibattito sui conti ineccepibili.

Si passa alle dichiarazioni di voto. Marcello Napoli annuncia il voto contrario dell'opposizione perché non dovrebbe esistere un avanzo di bilancio:  tutte le risorse andrebbero spese in investimenti. Inoltre l'amministrazione non ha raggiunto gli obiettivi rispetto a quanto aveva promesso: nuove isole ecologiche, abbattimento dell'inquinamento acustico, più telecamere, piano verde del comune, manutenzione marciapiedi, decoro pubblico.

L'assessore Carlo Gandolfo invita a non fare confusione tra il bilancio 2010, quando il patto di stabilità permetteva lavori poi realizzati, e quello del 2011.  Dice che non è possibile bocciare un'amministrazione  a due anni dall'insediamento e che un giudizio lo si potrà esprimere solo a fine mandato. Pone in risalto il fatto che l'amministrazione sta lavorando alla nuova immissione dello svincolo autostradale nella viabilità ordinaria;  che opera per dotare la città di un vero depuratore; che porterà a casa la ristrutturazione della piscina di Punta Sant'Anna e la costruzione di quella nuova coperta nell'ex area Iml.

Il consiglio comunale sta proseguendo. Il punto caldo sarà la discussione su dichiarazioni rilasciate alla stampa dal sindaco Dario Capurro riguardanti il suo giudizio critico su grattacielo e autosilo.

Un'annotazione: è impossibile dichiarare che gli interventi devono durare "pochissimo" . Probabilmente occorrerebbe dotarsi di un orologio che segnala la fine del tempo stabilito dal regolamento e non a estro.