Archivio Storico

In questa pagina sono elencati i vecchi articoli pubblicati all'interno del nostro giornale, seleziona il mese e clicca sul titolo per leggere quelli che sono di tuo interesse oppure effettua una ricerca tra gli oltre 42.800 articoli storici.


Cerca le seguenti parole ('%' e` il carattere jolly):

» Torna all'elenco dei mesi «


Il Premio "Santa Boat Show" a Mario Spertini

del 10-04-2011

Dall'ufficio comunicazione Cluster S.r.l. Genova riceviamo e pubblichiamo

Soddisfazione a chiusura del quinto Santa Boat Show di Santa Margherita Ligure. Premiato Mario Spertini, titolare dello storico Cantiere Santa Margherita Ligure, il primo a proporre al mercato europeo le barche flying bridge.

“Nonostante l’avvio ai lavori della manifestazione sia avvenuto solo un mese prima della data di inizio, e quindi con relativamente poco tempo per diffonderne l’informazione, siamo molto contenti dei risultati” – ha affermato Roberto Caroti, presidente dell’Associazione Yacht Brokers & Dealers di S. Margherita Ligure, organizzatori dell’evento “Pensiamo siano arrivate in Calata tra le 4.000 e le 5.000 persone, e tra queste anche molti potenziali clienti. Le belle giornate di cui abbiamo goduto, la scenografia mozzafiato e l’indubbia opportunità di trovare in un sol posto più esemplari da visitare e valutare… sono fattori che indubbiamente hanno aiutato l’afflusso. Praticamente tutte le 70 barche esposte sono state visitate o attentamente osservate, 5 vendite sono già state effettuate (una percentuale davvero molto alta!) e altre , interessanti, sono in trattativa”.

Ai ringraziamenti rivolti a tutti coloro che hanno contribuito all’organizzazione – i 16 Espositori (6 in più dell’anno scorso!), gli Sponsor Meridiani e Santa Benessere, il Comune di S. Margherita Ligure, la società Gestioni Portuali per la concessione dei siti di ormeggio, la società Progetto Santa Margherita per la messa a disposizione degli ormeggi a banchina, la Capitaneria di Porto , gli inserzionisti e le collaborazioni di bar e ristoranti -Caroti ha aggiunto un suo personale auspicio affinché vengano prese con rapidità le tante e importanti decisioni legate al miglioramento dell’operatività e dell’accoglienza del Porto. “Per far brillare di nuovo la Perla del Tigullio nel mondo della nautica e dei suoi appassionati, e non solo. In alternativa, si acuirà - e non di poco- il declino che il Porto sta vivendo, sicuramente a vantaggio di porti vicini, più attrezzati, moderni e sicuri, ma soprattutto a discapito dell’economia , una volta d’eccellenza, di S. Margherita Ligure”.



In questa atmosfera , particolarmente simbolica quindi la premiazione di Mario Spertini, a cui è andato il Premio Santa Boat Show I Grandi della Nautica, quest’anno alla sua seconda edizione: un riconoscimento destinato a personaggi che hanno dato lustro internazionale alla Nautica Ligure e del Tigullio. Spertini, oggi 87enne, è stato titolare del cantiere S. Margherita Ligure, a ridosso del Porto, che per primo in Europa produsse barche del tipo flying bridge , sino ad allora presenti solo nell’offerta americana. Queste barche, e le successive navette di ferro dislocanti, tutte a marchio Alalunga, molto noto nell’ambiente, ebbero un’ampia richiesta nazionale ed internazionale, consolidando un’attività che negli anni ‘60-‘70 rappresentava nell’area la più importante realtà produttiva, direttamente e per indotto creato.

E proprio questi sono stati i motivi alla base della sua premiazione: la produzione di un modello innovativo in Europa, il battesimo e la promozione di un marchio ancor oggi presente sul mercato, il consolidamento di un’attività economica così importante per il territorio, fonte di lavoro per 50 dipendenti diretti e molti altri nell’indotto generato, l’aver contribuito a portare a S Margherita Ligure clienti di grande notorietà internazionale, ulteriori testimonials dell’attrattiva nautica e turistica di S. Margherita Ligure.

Alla cerimonia erano presenti anche Roberto De Marchi, Sindaco di S. Margherita Ligure, Giulio Versari, designer e artigiano , vincitore della prima edizione del Premio, amici di Spertini e una quindicina di suoi ex-operai, che lo ricordano sempre come colui che ha insegnato a ciascuno il proprio mestiere, che lavorava insieme a loro, di poche parole ma di tanti pensieri e preoccupazioni, non ultima le loro condizioni di lavoro.