Archivio Storico

In questa pagina sono elencati i vecchi articoli pubblicati all'interno del nostro giornale, seleziona il mese e clicca sul titolo per leggere quelli che sono di tuo interesse oppure effettua una ricerca tra gli oltre 42.800 articoli storici.


Cerca le seguenti parole ('%' e` il carattere jolly):

» Torna all'elenco dei mesi «


Chiavari: Ezio Chiesa verso le elezioni del 2012

del 09-04-2011

Dall'Ufficio stampa del Gruppo regionale Misto riceviamo e pubblichiamo

Il consigliere regionale Ezio Chiesa ha presentato stamani a Chiavari l’iniziativa in programma venerdì, ma soprattutto il movimento civico pronto a confrontarsi che le scadenze elettorali del prossimo anno quando si voterà per la Provincia di Genova e per la maggior parte dei Comuni della Liguria ivi compreso il capoluogo genovese.

“Non siamo contro i partiti – spiega Chiesa – la maggior parte delle persone che aderiscono al movimento hanno militato in passato in diverse formazioni politiche, ma riteniamo anche che i partiti non riescono più a interpretare i bisogni della gente, inoltre, purtroppo, sono sempre meno radicati sul territorio”.

Come se non bastasse l’arrivo del federalismo è destinato a favorire le formazioni a carattere regionale pronte poi a confederarsi quando si tratta di votare per le politiche.

“Intendiamo portare avanti le esigenze dei territori – continua Chiesa – ponendoci un preciso obiettivo: essere presenti alle elezioni amministrative in programma il prossimo anno”.

Un movimento che vuole partire dal basso per questo non indica ancora un nome e un simbolo.

“Saranno i cittadini che decidono di aderire – afferma Chiesa – a scegliere tutti insieme nome e statuto nonché le linee programmatiche con le quali siamo pronti a confrontarci con i movimenti della Regione per dare vita a delle liste civiche”.

Un momento della conferenza stampa



Un movimento civico sicuramente ancorato al centrosinistra, non a caso Chiesa conferma il suo pieno appoggio alla giunta regionale guidata da Claudio Burlando.

Per quanto riguarda le elezioni comunali saranno i nostri rappresentati sul territorio a scegliere con chi schierarsi, nessuna preclusione. Del resto nei vari Comuni le liste civiche da tempo sono una realtà e vedono convergere al loro interno persone spesso posizionate ideologicamente su posizioni contrapposte.

“Il presidente Burlando nella passata legislatura – continua Chiesa – ha posto una grande attenzione ai problemi del territorio. Ora con minori risorse a disposizione le pressioni delle grandi città saranno maggiori per ottenere finanziamenti, per questo motivo intendiamo vigilare ed essere pronti a spronare la Regione facendoci portavoce della gente che vive in provincia”.

I temi sul tappeto sono numerosi, alcuni saranno affrontati nel convegno in programma venerdì prossimo a Chiavari dal titolo: “Obiettivo 2012: Con la gente per i territori costruiamo la lista civica “.

“Il primo a prendere la parola - conclude Chiesa – sarà un rappresentante della Rsu della Fincantieri di Sestri Levante in quanto crediamo giusto ascoltare preoccupazioni e timori della più grande azienda del Tigullio”.

Dopo l’introduzione di Mavi Zonfrillo, attesi gli interventi di Gabriella Brizzolara (sanità), Danilo Repetto (acqua) e Elio Ugolini (viabilità), a Chiesa il compito di tirare le conclusioni.

Alla conferenza stampa di presentazione del movimento, oltre i relatori, ha partecipato tanta gente pronta ad affrontare questa nuova avventura con coraggio e entusiasmo. La determinazioni di Chiesa e di quanti erano presenti rappresenta sicuramente una garanzia, da venerdì prossimo comincia un lungo viaggio verso le amministrative del 2012 con la speranza di ottenere quei risultati che permettano di guardare fiduciosi ad ulteriori impegni.

Il territorio ha bisogno di persone pronte ad interagire con la gente per questo venerdì sera i primi ad essere invitati sono i cittadini.

A tutti gli intervenuti sarà offerta una copia della Costituzione e la bandiera che invita che invita a votare al referendum in programma a giugno per consentire che l’acqua torni ad essere un bene pubblico.