Archivio Storico

In questa pagina sono elencati i vecchi articoli pubblicati all'interno del nostro giornale, seleziona il mese e clicca sul titolo per leggere quelli che sono di tuo interesse oppure effettua una ricerca tra gli oltre 42.800 articoli storici.


Cerca le seguenti parole ('%' e` il carattere jolly):

» Torna all'elenco dei mesi «


"Aspettando...Slow Fish" in Val di Vara e riviera spezzina

del 07-04-2011

Aspettando... Slow Fish, Salone internazionale dedicato al mondo della pesca che si svolgerà a Genova dal 27 al 30 maggio, prende il via nella nostra provincia un fitto calendario di eventi, laboratori, degustazioni dedicato ai prodotti del mare.

“Aspettando Slow Fish - dichiara l’Assessore provinciale a Turismo e Agricoltura Federico Barli - è una manifestazione importante perché propone ai cittadini un calendario di eventi di accompagnamento al salone di Genova che hanno lo scopo principale di diffondere sul territorio la cultura del consumare in maniera consapevole e sostenibile. Nella nostra società sta crescendo la voglia di imparare ed acquisire stili di vita sostenibili e questo tipo di manifestazioni contribuisce a diffondere il senso e l’importanza di costruire una comunità consapevole. C’è poi un altro aspetto di primaria importanza che riguarda la crescita dell’economia legata sia il turismo enogastronomico che alla diffusione di prodotti di qualità. Aspettando SlowFish quindi non è solo una vetrina ma anche un’occasione di crescita per tutti coloro che lavorano e contribuiscono a rafforzare questo tipo di economia virtuosa.”

“Abbiamo pensato - sottolinea Gabriella Tartarini, Responsabile Comunicazione della Condotta SlowFood La Spezia, 5 Terre, Val di Vara e Levanto - ad un programma di eventi integrato con iniziative già esistenti in provincia perché ci sembra importante che slow food interagisca costantemente con il territorio. Quest’anno SlowFish avrà tra l’altro un filo conduttore preciso che intende porre l’attenzione su una tematica particolare: C’è una nuova specie protetta da salvare: I pescatori!”