Archivio Storico

In questa pagina sono elencati i vecchi articoli pubblicati all'interno del nostro giornale, seleziona il mese e clicca sul titolo per leggere quelli che sono di tuo interesse oppure effettua una ricerca tra gli oltre 42.800 articoli storici.


Cerca le seguenti parole ('%' e` il carattere jolly):

» Torna all'elenco dei mesi «


"A quando il Monte di Portofino patrimonio dell'umanità?"

del 04-04-2011

Dall'Associazione Internazionale "Amici del Monte di Portofino" riceviamo e pubblichiamo

Apprendiamo che i ministeri dei Beni culturali e delle Politiche agricole hanno inviato a Parigi, alla Commissione dell’Unesco, l’elenco delle proposte per l’inserimento dei siti tra quelli considerati “Patrimonio mondiale dell’Umanità”. Tra le candidature dei siti geografici non figura, neppure quest’anno, quella relativa al Parco di Portofino, nonostante le assicurazioni (verbali) fatte dall’allora Ministro Sandro Bondi nel corso di una sua visita a S. Margherita Ligure nel maggio del 2009 e nonostante un preciso impegno assunto dalla direzione dell’ente Parco in merito all’iter amministrativo della pratica.

L’Associazione Internazionale “Amici del Monte di Portofino” si rammarica per questa ennesima occasione perduta e segnala anche come il mancato riscontro in questo importante passaggio sia indice di un “calo di attenzione”, sia a livello regionale sia nazionale, sui temi della salvaguardia di un patrimonio unico in Liguria ed in Italia.

L’Associazione approfitta dell’occasione per ricordare che nel prossimo rinnovato Consiglio dell’Ente, a fronte della riduzione del numero dei consiglieri, dovrà essere tenuta in grande considerazione la presenza di un rappresentante delle forze ambientaliste del territorio, anche alla luce del recente costituito Coordinamento tra le associazioni del Levante. Il rischio, infatti, è che nel nuovo Consiglio dell’Ente non figuri neppure un rappresentante del mondo ambientalista. Una “dimenticanza” che, per quanto concerne il Parco di Portofino, potrebbe essere sinonimo di una ulteriore grave mancanza di sensibilità.