Rapallo. De Benedetti, una voce civile fuori dal coro (2)

L’assessore Filippo Lasinio ha parlato per quasi due ore non concedendosi alcuna divagazione, sempre sull’argomento Lavori pubblici. Non sempre è così. Dopo Lasinio si sono susseguiti gli interventi di: Elisabetta Lai (stagione difficile per il Turimo); Franco Parodi (più che di viabilità e sicurezza ha parlato di bilancio e altri temi); il vicesindaco Pier Giorgio Brigati (occorre grande sostegno alle fasce deboli, in aumento per la mancanza di lavoro e la crisi economica; le richieste di assistenza crescono e occorre soddisfarle; il suo grazie al Volontariato). Ha chiuso gli interventi della giunta il sindaco Carlo Bagnasco che ha ricordato la grande attività svolta dalla maggioranza e degli uffici; dilungandosi in una discorso che ha sfiorato molti aspetti già noti. Alle 23.41 ha preso la parola la consigliera Isabella De Benedetti, unica voce fuori dal coro che con la consueta grinta ed educazione ha espresso le sue osservazioni. Il turismo? Basterebbe legare il nome di Rapallo al Parco Nazionale di Portofino per ottenere risultati. Mai faziosa; ha voluto infatti ringraziare il vicesindaco per l’opera svolta in campo sociale.