Chiavari: MioCinema propone quattro appuntamenti

Da Massimo Colombi, cinema Mignor Chiavari, riceviamo e pubblichiamo

In attesa di conoscere la nuova data per poter riaprire ecco 4 nuovi appuntamenti con “MioCinema”:

1) Arriva su MioCinema il film vincitore dell’Orso d’oro al festival di Berlino, “Bad luck banging or loony porn

 Bad luck banging or loony porn è il nuovo titolo MioCinema Original disponibile dal 16 aprile; l’uscita sarà preceduta da un’anteprima esclusiva di due giorni, l’8 e il 9 aprile.

 Diretto da Radu Jude, ambientato a Bucarest e girato in tempi di coronavirus, il film ha scosso e trionfato al Festival di Berlino, ottenendo il riconoscimento più importante tra gli applausi della critica. Provocante, ironico, pungente, vibrante. Un film potente e attualissimo che certamente non lascia indifferenti. Presto aperte le prevendite!

2)  È disponibile su MioCinema Lo Zio di Brooklyn, esordio cinematografico di Daniele Ciprì e Franco Maresco, accompagnato da contenuti esclusivi diretti dall’iconica coppia. Il film, che racconta un’umanità grottesca e surreale, è espressione dell’immaginario post-apocalittico del cinema di Ciprì e Maresco, che ha sconvolto la platea

3)   Buon compleanno Quentin!

 Festeggiamo il compleanno di Quentin Tarantino, nato il 27 marzo 1963: questo sabato 27 e domenica 28 il documentario QT8| Quentin Tarantino – The First Eight sarà acquistabile al prezzo speciale di 5€!

 Il documentario racconta la carriera di Tarantino attraverso interviste esclusive, retroscena inediti, aneddoti: dagli esordi come sceneggiatore al debutto dietro la macchina da presa con l’acclamato Le iene, la Palma d’oro a Cannes e l’Oscar alla miglior sceneggiatura originale per Pulp Fiction e il susseguirsi di successi diventati autentici cult.

benpensante e ancora oggi appare un alieno nel panorama cinematografico italiano.

E per finire

4)   Celles qui restent di Ester Sparatore
Il documentario, vincitore del premio come miglior film al Concorso Biografilm Italia, racconta la storia di Om El Khir, una donna tunisina che insieme ad altre connazionali conduce dal 2012 una battaglia per scoprire la verità su tutti quei mariti, figli e fratelli scomparsi nel tentativo di raggiungere l’Europa