Camogli: il cimitero finito anche sulla stampa russa e cinese

Riceviamo e pubblichiamo (Lettera firmata)

Invio a codesta redazione documentazione del risalto che ha avuto il crollo al cimitero di Camogli, in tutto il Mondo. In Russia, Gran Bretagna, Cina i giornali riportano il fatto. L’immagine della Città ne esce devastata, così come il ricordo dei cari finiti in mare insieme alla falesia.
Personalmente mi auguro che l’Amministrazione, così come le precedenti, si faccia un esame di coscienza e ammetta le proprie responsabilità. Troppe voci di crollo inevitabile si stanno levando, quando sappiamo benissimo quanti soldi pubblici si stanno spendendo per monitorare le falesie del versante del Monte di Portofino sotto San Rocco fino a Punta Chiappa. Un attento monitoraggio eseguito a seguire le prime segnalazioni (2012?), avrebbe almeno permesso di evitare la perdita dei feretri. 
Chiedere delle dimissioni in Italia purtroppo non si usa, ma forse l’Amministrazione ci deve pensare.