Sestri: incidente in galleria, accertata dinamica e responsabilità

Dal Comune di Sestri Levante riceviamo e pubblichiamo

Sono state portate a termine le indagini relative all’incidente avvenuto all’interno delle gallerie di Sant’Anna, lo scorso 16 febbraio. Grazie al vivo impegno degli agenti della Polizia Locale è stato possibile giungere a una puntuale ricostruzione della dinamica del sinistro, avvenuto appena dopo le 13 sul lato monte del tunnel.

In meno di una settimana, gli agenti hanno deferito all’autorità giudiziaria il presunto responsabile dello schianto, persona già nota alle forze dell’ordine.

L’uomo, a bordo di un’auto scura su cui viaggiava anche un secondo passeggero, una ragazza, stava percorrendo le gallerie in direzione Lavagna quando, senza preavviso, ha perso il controllo del veicolo andando a urtare il pilone e poi la ringhiera lato mare del tunnel, terminando la sua corsa contro un autocarro proveniente dalla direzione opposta. Il conducente dell’auto, a seguito dei referti delle analisi di laboratorio, è risultato sia sotto l’effetto di sostanze stupefacenti che in stato di ebbrezza ed è stato pertanto indagato per entrambi i reati.

Tre le persone coinvolte nell’incidente, i due conducenti e la ragazza a bordo dell’auto, che fortunatamente hanno riportato lesioni di bassa entità e sono già stati dimessi dall’ospedale dove erano stati ricoverati per accertamenti.
Grazie alla proficua collaborazione fra le forze dell’ordine del territorio la viabilità è tornata alla normalità in un paio d’ore.

«Voglio ringraziare i miei colleghi per la prontezza con cui sono accorsi sul luogo dell’incidente e l’impegno speso nel risolvere velocemente e con cura una situazione di disagio per i cittadini pur trattandosi del quarto sinistro occorso nella mattinata del 16 febbraio – commenta la Comandante della Polizia Municipale, Federica Genovese -. Grazie a loro, abbiamo avuto modo di regolarizzare il traffico in tempi brevi, non più di un paio d’ore. In pochi giorni, inoltre, siamo riusciti a rintracciare il responsabile dello scontro, trattandosi di persona straniera e allo stato attuale irreperibile e a verificarne la regolare presenza sul nostro territorio: una ulteriore conferma della cura che gli agenti del nostro comando investono nello svolgere il proprio dovere, per una città più sicura».

Il comandante Federica Genovese in una foto d’archivio durante una commemorazione