Camogli: oggi il recupero dei feretri; il progetto di ripristino

L’istituzione di un senso unico alternato sulla provinciale Recco-Camogli per evitare che i mezzi pesanti gravino sulla carreggiata a mare che, in località Belvedere attigua alla zona del cimitero franata, si poggia sulla falesia. Il tutto in attesa che i tecnici della Regione facciano il punto e stabiliscano fin dove arriva il rischio.

Camogli sbigottita nonostante si sapesse da anni che un’ala del cimitero proteso sul mare potesse franare. Gente che piange i suoi morti per la seconda volta; decine di telefonate di persone che vogliono sapere se anche se le bare dei loro cari sono finite a mare. Altri, le cui case sono nate sulla falesia, chiedono rassicurazioni o misure immediate di sicurezza.

Intanto oggi riprenderà il recupero dei feretri, almeno quelli che non si sono spaccati durante la caduta. Ieri sera il recupero dei primi dieci che, fortunatamente, hanno tutti una targhetta col nome della persona defunta. Le bare saranno sistemate nella sala del commiato e in due tendoni che oggi la Regione monterà all’interno di aree sicure del cimitero. Ieri la presenza dell’assessore regionale Raul Giacomo Giampedrone, è stata particolarmente apprezzata anche per la chiarezza delle sue parole che annunciano concretezza..

L’arrivo di Giampedrone al cimitero