Camogli: oltre 200 bare in mare; iniziato il recupero (3)

Testo e foto di Consuelo Pallavicini

Forse l’unico aspetto positivo è che il crollo dell’ala ovest del cimitero di Camogli è avvenuta quando lo stesso era chiuso al pubblico. Sul banco degli imputati la falesia scivolata a mare nonostante fossero iniziati i lavori in altra zona, proprio per bloccare lo slittamento a mare. File di loculi alte cinque o sei piani crollate. Chi fa i conti parla di oltre 200 bare finite a mare, bare sfasciate durante il crollo e lo scontro con i muri distrutti dei loculi. Inghiottite dal mare anche due storiche cappelle, tombe di famiglia. Il recupero delle bare avviene per il momento con le imbarcazioni dei vigili del fuoco con sommozzatori e guardia costiera. All’opera anche l’elicottero Drago per filmare lo stato della costa e verificare la possibilità di imminenti altri crolli.