Trasporto studenti: “Pronti 280 autobus aggiuntivi”

Dall’ufficio stampa del Consiglio regionale riceviamo e pubblichiamo la cronaca della seduta relativa al trasporto alunni scuole sul territorio metropolitano genovese e ligure

Armando Sanna (Pd-Articolo Uno) ha presentato un’interrogazione, sottoscritta dai colleghi del gruppo, in cui ha chiesto alla giunta che in tutti i Comuni, tramite aziende municipalizzate o tpl, siano garantiti nei prossimi giorni i trasporti secondo gli scaglioni di ingresso e uscita degli studenti nelle scuole. Il consigliere ha ricordato che Amt ha affidato l’esercizio delle “navette” per gli studenti a due società private, che il Fondo nazionale trasporti nel 2019 è cresciuto di un milione di euro per la Città Metropolitana, che nel 2020 le risorse sono oltre 2 milioni di euro e sono previsti fondi per questi servizi aggiuntivi.

L’assessore ai trasporti Gianni Berrino ha premesso sottolineando che l’Italia è l’unico Paese che ha ridotto la capienza dei mezzi pubblici, pur senza evidenze scientifiche circa la possibilità di contagio rispetto all’affollamento di autobus e treni, e questo ha imposto il reperimento in poco tempo di nuovi mezzi. L’assessore ha, quindi, esposto nel dettaglio i servizi aggiuntivi previsti per un totale complessivo di oltre 2,5 milioni di km che saranno effettuati attraverso l’utilizzo di 280 autobus aggiuntivi, sia aziendali che a noleggio.. L’assessore ha ricordato, in accordo alle prefetture, il ricorso ad autobus privati per potenziare il servizio di trasporto degli studenti, rispettando gli orari differenziati di ingresso e uscita da scuola. Berrino ha quindi illustrato nel dettaglio il numero di autobus aggiuntivi, provincia per provincia, per un costo di 12 milioni di euro da gennaio fino a giugno.