Chiavari: “Il tempo dei selfie e quello delle responsabilità”

Da Vittorio Mazza, Liguria Popolare, riceviamo e pubblichiamo

In questi giorni assisto alle polemiche che ruotano intorno alle questioni relative alla collocazione dell’attuale amministrazione comunale di Chiavari alle prossime elezioni. In questo contesto noto emergenti figure del territorio che improvvisamente rilasciano dichiarazioni sul loro presunto precedente operato.
Innanzitutto credo sia necessario chiarire tali affermazioni, per trasparenza e verità, spiegando come si siano potute portare avanti pratiche di così alto livello economico. Come e grazie a chi sono state portate alla città di Chiavari somme così significative di denaro? 

A mio avviso è venuto il momento di spiegare, una volta per tutte, ai cittadini e magari anche a chi in quel periodo rappresentava le Istituzioni, lo svolgersi dei fatti e gli Enti che hanno contribuito.
Le circostanze che stiamo vivendo e quello che siamo stati obbligati a sentire in questi ultimi mesi, mi convincono sempre di più che la politica con la “P” maiuscola non è quella dei selfie, delle corse a chi arriva prima o la gara a chi dice di aver fatto di più. La vera politica mette al centro le persone, in quanto cittadini, e i loro bisogni, lavorando con impegno e competenza alle istanze del territorio, con unico obiettivo quello di risolvere i problemi e non apparire a tutti i costi. Non è quindi questione di amicizie o di alleanze, ma di un confronto che porti al bene comune e all’interesse della “cosa pubblica”.

Vittorio Mazza