Monterosso: “Andare in Posta è un calvario, chiediamo l’apertura su 6 giorni”

Dalla segreteria del Sindaco del Comune di Monterosso riceviamo e pubblichiamo

Anche i cittadini di Monterosso si mobilitano attraverso una raccolta firme per chiedere la riapertura degli Uffici Postali su sei giorni settimanali.

Nei mesi scorsi il Sindaco Emanuele Moggia aveva inviato diverse lettere alla Direzione Generale di Poste Italiane segnalando la situazione di difficoltà dovuta alla riduzione dei giorni di apertura (lunedì, mercoledì e venerdì) degli Uffici Postali del paese causa di lunghe code di attesa.

Il tempo medio di permanenza ad aspettare il proprio turno prima di accedere all’interno dell’Ufficio Postale è di almeno un’ora e i cittadini aspettano esposti alle temperature gelide di questi giorni.

Alcune centinaia le firme raccolte e inoltrate al Sindaco di Monterosso, alla Direzione Generale delle Poste e per conoscenza alla Prefettura della Spezia.

L’Amministrazione Comunale appoggiando l’iniziativa popolare ha tempestivamente inoltrato la raccolta firme al Direttore delle Poste sperando in una tempestiva soluzione della problematica.

Nella lettera di accompagnamento della raccolta firme si legge “Nei tre giorni di apertura settimanale, davanti all’Ufficio postale si ripete la stessa scienza: gruppi di persone al freddo o sotto la pioggia, spesso anziane, che aspettano per ore il proprio turno in piedi oppure sedute sul marciapiede. E’ una situazione, oltre che intollerabile anche pericolosa in considerazione dei divieti di assembramento anti covid” e prosegue – “Risulta incomprensibile che a Vernazza, Comune meno popoloso, l’Ufficio Postale sia aperto ogni giorno. Questo accresce il malcontento al punto che molti anziani stanno meditando di trasferire altrove il proprio conto corrente postale per fruire di un servizio migliore.

“Non comprendiamo il motivo per il quale il nostro le nostre richieste non siano ancora state ascoltate – spiega il primo cittadino – la situazione di disagio e la mancanza di sicurezza per i cittadini, soprattutto quelli più fragili, è sotto gli occhi di tutti. Le Poste a Monterosso lavorano molto, sia con i cittadini sia con gli operatori turistico-commerciali. Tutti hanno degli importanti e molteplici servizi delle Poste come lo svolgimento di pratiche, pagare bollette, fare diverse operazioni e il fatto che anche in questo periodo di crisi sanitaria ci siano code, è la dimostrazione che i giorni e gli orari assegnati non sono sufficienti”.