Moneglia: il mistero dei cartelli che vietano di foraggiare animali

Dal Coordinamento 7 giugno ( Lega Amici del cane Tigullio, Āyusya , LIDA Tigullio, “ Non li vuole nessuno…li salviamo noi”, Amici Nostri, Lega Ambiente Cantiere Verde Tigullio ), a firma del portavoce
Eugenia Silvia Rebecchi, riceviamo e pubblichiamo

Egr. Sig. Sindaco,

   da alcuni giorni sono presenti cartelli affissi nel territorio del comune da Lei amministrato (cfr. immagine in allegato), presumibilmente non autorizzati né supportati da Ordinanza, i quali vieterebbero ai cittadini sensibili al benessere animale, di ottemperare a quanto espressamente riconosciuto, ad esempio, dalla legge regionale 23/00 (art. 8 comma 5.

Le colonie di felini possono essere gestite da Associazioni o cooperative animaliste o da singoli. La somministrazione di cibo e cura delle colonie da parte degli zoofili non può essere impedita. In caso di controversia, il Comune provvede alla delimitazione di un’area all’interno dell’habitat della colonia da riservare alle operazioni e al posizionamento dei ripari e delle attrezzature. Gli animali liberi possono essere prelevati dalle colonie di appartenenza e trattenuti presso le abitazioni e le sedi dei soggetti di cui sopra per favorire il loro benessere. Comma 6. È vietato a chiunque ostacolare l’attività di gestione di una colonia o asportare o danneggiare gli oggetti impiegati)

Detti cartelli non presentano alcun riferimento ad Ordinanza né portano l’identificazione di protocollo, né una firma, soltanto la locuzione “Comune di Moneglia” nel frontespizio.

Gli scriventi ipotizzano l’affissione dei cartelli quale iniziativa abusiva di individui estranei a codesto Spett.le ente territoriale.

In quest’ottica Vi domandiamo una pronta rimozione degli stessi al fine di impedire che venga divulgato ulteriormente un messaggio fuorviante ed in assoluta violazione alla vigente normativa in materia di animali di affezione.