Val di Vara: “Uffici postali aperti e con orari più ampi, ecco le nostre richieste”

Dall’ufficio comunicazione della Presidenza della Provincia della Spezia riceviamo e pubblichiamo

Negli scorsi giorni sono stato interessato da alcuni Sindaci, come il primo cittadino di Borghetto Vara Claudio Del Vigo che ha evidenziato una situazione di forte disagio per i propri cittadini, relativamente alla problematica degli uffici postali chiusi o con orari estremamente ridotti a causa dell’emergenza Covid-19. Problemi che comunque riguardano tutto il nostro territorio, dalla città della Spezia agli altri comuni.

In alcuni casi, come ad esempio cioè che mi è stato segnalato proprio per Borghetto Vara, durante la prima fase pandemica gli uffici postali hanno avuto l’orario di apertura al pubblico ridotto e, ad oggi, l’orario regolare non è stato più ripristinato. Lo stesso avviene in molti quartieri cittadini o in diverse località in tutta la provincia.

Si tratta oggettivamente di un momento particolare per tutte le pubbliche amministrazioni ed è dovere di tutti noi fare squadra per trovare soluzioni che garantiscano i servizi per quelle categorie più esposte, come gli anziani. Soluzioni che oggi sono indispensabili e che da parte di Poste italiane S.p.A. in primis, ma il ragionamento deve riguardare la responsabilità che il Governo ha in questa gestione, devono essere garantite, in maniera certa e senza ulteriori ritardi, sempre e comunque.

Inoltre, con il proseguo della brutta stagione, viene evidente anche la problematica rappresentata dalle numerose code all’esterno uffici postali, dovute al necessario distanziamento, dove le persone, specialmente gli anziani, sono esposte a qualunque condizione meteo.

Per questo invito pubblicamente, anche dopo contatti preliminari con la Direzione Provinciale, Poste Italiane S.p.A. affinché si attivi, senza attendere che la situazione diventi un disagio per i cittadini, per dare risposte, tenendo conto da subito ed in maniera risolutiva delle problematiche evidenti.

Servono servizi certi e funzionali, in grado di essere presenti in territori come quello spezzino dove vi sono oggettive difficoltà che si evidenziamo maggiormente nei piccoli comuni e nelle tante località minori, il tutto anche alla luce delle limitazioni previste in questi giorni.

Ci aspettiamo, per tutte le frazioni, specialmente per i borghi più o piccoli ed isolati, così come per i comuni dell’entroterra, particolare attenzione e il mantenimento del servizio in ogni località della provincia, questo anche per garantire proprio quelle norme di precauzione che limitano al massimo gli spostamenti e l’affollamento di strade e piazze.

Auspico che le problematiche già evidenziate nella prima fase di chiusura, la scorsa primavera, oggi siano superate. Anche in questo caso, così come per altre realtà, il tempo per affrontare la situazione senza provocare disagi c’è stato tutto, ora ci vogliono i risultati.

L’Amministrazione Provinciale, ma ovviamente anche le Amministrazioni Comunali locali, sono sempre disponibili a trovare soluzioni per agevolare gli utenti e garantire un servizio, sono altresì certo che la stessa Direzione Provinciale abbia in fase di organizzazione un programma per mantenere una presenza costante ed il ricevimento del pubblico in tutte le località della Provincia spezzina, tenendo conto proprio delle necessità di limitare al minimo gli spostamenti, specialmente delle persone più anziane.

Mi aspetto che le direzioni nazionali ed il Governo rendano attuabili questi piani e che il servizio sia garantito, senza gravare sempre e comunque sulle realtà periferiche, sugli enti locali e sui cittadini.

Il Presidente della Provincia della Spezia

Pierluigi Peracchini