Regione: Tigullio al centro. “Covid, usate le caserme di Chiavari”

I consiglieri regionali del Tigullio e Golfo Paradiso, sono scesi dai nove della scorsa legislatura ai cinque attuali; oltre a Giovanni Boitano primo degli eletti che subentrerà a Ilaria Cavo perché dimissionaria dal Consiglio in quanto nominata assessore.

Minor numero di consiglieri vuol dire minore rappresentatività? Detto che che né nel Toti 1, né nel Toti 2 il nostro Levante è stato premiato con un assessorato, un lettore, Angiolino Barreca, si chiedeva se, indipendentemente all’appartenenza a diversi partiti, i consiglieri eletti si faranno carico, unitariamente, dei problemi territoriali del Levante.

Risposte scontate ma su cui abbiamo ascoltato il parere dei due consiglieri di opposizione e le due news entry in maggioranza. Luca Garibaldi (Pd) e Sandro Garibaldi (Lega) di Chiavari; Fabio Tosi (5 Stelle) e Domenico Cianci (Toti) di Rapallo.

Fabio Tosi dice: “Mi sono già espresso in questo senso nel momento in cui sono stato indicato capogruppo del MoVimento Cinque Stelle. Essere all’opposizione non vuol dire accantonare le criticità del territorio che avranno il nostro pieno appoggio; ogni problema del Tigullio e del Golfo Paradiso avranno il nostro pieno supporto. Naturalmente ognuno nel ruolo che riveste.”

Per Luca Garibaldi, anche lui rieletto nel Pd ed anche lui capogruppo: “Dire che ci occuperemo dei problemi centrali del nostro territorio è lapalissiano; lo faremo come sempre senza sollecitazioni. Non consentiremo l’emarginalizzazione del territorio”.

Entra martedì per la prima volta in Consiglio. Domenico Cianci (Toti) riflette: “Nel rispetto dei ruoli di maggioranza e di opposizione, è corretto che ci sia un confronto sui grandi temi di questo territorio; è chiaro che la maggioranza deciderà nel rispetto del ruolo conferitogli dai cittadini. Plaudo al tema proposto da Angiolino Barreca”.

Altro debutto quello di Sandro Garibaldi (Lega): “Lavorerò per il territorio che meritava a mio avviso una maggiore rappresentanza. Personalmente, con tutta l’umiltà di chi entra per la prima volta in Consiglio, seguirò i problemi del territorio. Posso dire anzi che lo sta già facendo. Ho chiesto che non si torni a noleggiare navi o grandi strutture per ospitare i convalescenti del covid, ma che vengano usate le caserme di Caperana di Chiavari che sono disponibili ad accettarli”.