Lavagna-Carasco: carogna di cinghiale al confine, nessuno la rimuove

Da Silvia Magnano riceviamo e pubblichiamo

Segnalo questa sgradevole notizia. Da circa 15 giorni a Lavagna lungo il fiume Entella nella roggia al confine con il Comune di Carasco, è presente la carcassa di un grosso cinghiale adulto in putrefazione.

I residenti, visto il disagio hanno prontamente avvisato le autorità competenti di entrambi i Comuni, Polizia locale, Lipu e Asl.

La risposta? Visto che la carogna ha avuto la disgraziata sfortuna di ancorarsi sul confine tra i due Comuni, entrambe le amministrazioni scaricano le spese di rimozione e smaltimento sul Comune vicino.
Al telefono gli operatori di entrambi i Comuni hanno detto: ‘Ma sapete quanto ci costa rimuovere un animale del genere? Anche 400 euro!’ Di fatto nessuno si è mosso.

E’ un vergognoso braccio di ferro tra due amministrazioni! Le conseguenze sono ovvie, mentre c’è lo scarica barile su chi si deve accollare le spese, i residenti a pochi metri dalla roggia lungo la pista ciclabile dell’Entella rimangono in balia di puzza, insetti e topi che scorazzano sotto le finestre.
Alla faccia dell’Oasi dell’Entella!