Cinque Terre: parco letterario, programma rinviato

Da Ufficio Stampa Parco Cinque Terre riceviamo e pubblichiamo

In via precauzionale rispetto all’emergenza sanitaria, il Parco Letterario Eugenio Montale e delle Cinque Terre ha deciso di rinviare a primavera la programmazione che avrebbe dovuto prendere il via da domenica 25 ottobre 2020, con l’escursione dedicata agli alberi monumentali e alla loro forza di ispirazione poetica, proprio in occasione della Giornata Europea dei Parchi Letterari®.

I percorsi naturalistico letterari saranno comunque proposti dal Parco in forma virtuale attraverso i propri canali di comunicazione per invitare alla fruizione consapevole e, sempre nel rispetto delle norme, degli spazi verdi custoditi dal Parco, oggi più che mai luoghi di cultura all’aria aperta e di rigenerazione psicofisica.

«Alla luce dell’attuale situazione sanitaria abbiamo deciso di rimandare alla prossima primavera il calendario di passeggiate ed escursioni letterarie, scandite da letture e dalla scoperta del mosaico di biodiversità custodito dal Parco.- Spiega la Presidente Donatella Bianchi – Tuttavia siamo consapevoli che il contatto con la natura e la bellezza del Parco Nazionale in abito autunnale, rappresentino occasioni di grande conforto proprio nei momenti di difficoltà, così come le suggestioni di poeti e scrittori che in questo tratto dell’estremo Levante ligure hanno tratto fonte di ispirazione. Per questo ogni settimana proporremo il racconto di un itinerario naturalistico letterario, offrendo, così, la possibilità di entrare in contatto, anche se in modo virtuale, con gli scorci più suggestivi della nostra rete sentieristica e del nostro territorio».

Il Parco Letterario Eugenio Montale e delle Cinque Terre

Attraverso la speciale lente della poesia il Parco Nazionale delle Cinque Terre intende offrire ai visitatori delle esperienze di conoscenza profonda di quella terra de i limoni, le lame d’acqua e i muri d’orto, tanto amata da poeti, scrittori e pittori. In questo orizzonte l’Ente ha avviato, a partire dal 2015, il progetto del Parco Letterario® Eugenio Montale e delle Cinque Terre, in collaborazione con la rete dei Parchi Letterari® Italiani ed Europei

Il Parco dedicato a Eugenio Montale è uno spazio en plein air dove l’aggettivo letterario indica un luogo diffuso e al tempo stesso circoscritto che copre tutto il territorio delle Cinque Terre: con i suoi sentieri, la sua natura, la sua filiera agroalimentare, le sue atmosfere, espressioni della qualità del paesaggio. In particolare lo straordinario vino che Giosuè Carducci descrisse come l’essenza di tutte le ebbrezze dionisiache e Gabriele d’Annunzio come profondamente sensuale.

I percorsi naturalistico letterari sono passeggiate o escursioni scandite da letture e scoperta del patrimonio ambientale e storico monumentale.

Il calendario offre la possibilità di mostrare un mosaico di biodiversità al ritmo delle stagioni.

I percorsi naturalistico letterari rientrano nelle attività delle riserve culturali nate dalla collaborazione tra Comando Unità Forestali, Ambientali e Agroalimentari dei Carabinieri (C.U.F.A.) e Parchi Letterari®.

Il Parco Nazionale delle Cinque Terre

È stato istituito il 6 ottobre 1999 con Decreto del Presidente della Repubblica (Gazzetta Ufficiale 17 dicembre 1999, n. 295). Il territorio del Parco Nazionale delle Cinque Terre, tra i più piccoli d’Italia e allo stesso tempo il più densamente popolato, ha un’estensione di 3.868 ettari e una popolazione di circa 4.000 abitanti. Comprende i Comuni di Riomaggiore, Vernazza, Monterosso al Mare, La Spezia (zona Tramonti) e Levanto (zona Mesco). Nel 2014 il Parco ha conseguito la certificazione del proprio sistema di gestione ambientale secondo i requisiti della norma UNI EN ISO 14001 propedeutica alla registrazione EMAS (Eco Management an Audit Scheme) dei servizi ecosistemici del Parco. Il Certificato di Registrazione EMAS è stato ottenuto dall’Ente Parco, il 26 giugno 2019.