Lavagna: “Diga Perfigli, una vergogna; la battaglia prosegue”

Da Daniele Di Martino, Portavoce M5S Lavagna, riceviamo e pubblichiamo

La risposta del Governatore Toti e del Sindaco Bucci non solo ridicolizza la ormai evidente posizione politica di questa regione, che vede nel cemento e nelle privatizzazioni la miglior forma di governo, ma offende i territori ed i cittadini che, ahimè, sono evidentemente stati mal rappresentati negli ultimi anni.

Fiumi di parole, che non fermeranno il fiume di cemento che ingabbierà l’unico fiume che avrebbe diritto di esistere.
Un progetto scandaloso che riporta la difesa del territorio a zero, nonostante le ormai costanti avvisaglie che lo stesso territorio ci da ormai da tempo. E come scusa proprio l’ipocrisia del definirla una messa in sicurezza. Come se il Bisagno avesse protetto i cittadini e la città.

Siamo davvero amareggiati dalle giunte politiche che si sono succedute e che sono rimaste a guardare, abbaiando alla luna.

Molte persone esternano il loro malcontento, a parole gli stessi primi cittadini sono contrari.

Ed allora di cosa parliamo?

Dell’ennesima vergogna. Di politici che non sono più in contatto col territorio ne con la realtà.

Ringraziamo i fautori di questo scempio e annunciamo che la battaglia continua. E continuerà fino alla fine.