Sestri: “Creators – The Past”, primo kolossal di fantascienza made in Italy

Dall’ufficio stampa Echo Group riceviamo e pubblichiamo

Giovedì 8 ottobre alle ore 21 al cinema Ariston (Via Eraldo Fico Virgola, 12)  di Sestri Levante, alla presenza di Angelo Minoli, appuntamento con i protagonisti di Creators – The Past, primo kolossal di fantascienza made in Italy.

Creators – The Past arriva al cinema a partire dall’8 ottobre con Artuniverse in collaborazione con 30 Holding e vi aspetta con una serie di appuntamenti da non perdere in cui potrete conoscere i protagonisti dell’opera prima di Piergiuseppe Zaia.

Creators – The Past è il primo kolossal fantascientifico completamente realizzato in Italia, ma caratterizzato da un ampio respiro internazionale grazie a un cast di eccezione tra cui spiccano talenti del calibro di William Shatner (il leggendario capitano James T. Kirk delle serie Star Trek), la star francese Gérard Depardieu e Bruce Payne (Dungeons & Dragons). Anche il doppiaggio non è da meno e vanta le più grandi voci italiane del cinema quali: Giancarlo Giannini, Luca Ward, Maria Pia Di Meo e Mario Cordova.

Creators – The Past è il primo capitolo di una trilogia che, ispirandosi alle profezie Maya del 2012 sulla fine del mondo, racconta di un imponente allineamento di corpi celesti e dei suoi effetti su ogni forma di vita nel cosmo. Gli otto membri del Concilio Galattico – i cosiddetti Creators – si riuniscono per decidere le sorti dei cieli e il pianeta Terra diviene immediatamente il centro delle discussioni perché la sua evoluzione risulta uscire dai piani stabiliti. Non tutti i Creators condividono la stessa filosofia d’azione e le divergenze tra loro scateneranno una lotta contro il tempo per assumere il controllo e decidere le sorti del pianeta Terra.

Ad accompagnare l’uscita del film anche l’album della colonna sonora – che conta ben 75 temi originali, scritti dallo stesso regista e compositore Piergiuseppe Zaia – e il libro Creators – The Past scritto da Eleonora Fani (produttrice, sceneggiatrice e attrice protagonista del film nei panni dell’aliena Lady Airre) insieme a Gea Mizzani Corio.

Venite a scoprire più grande universo Sci-fi mai prodotto in Italia nei cinema dall’8 ottobre.

Il Trailer Italiano: https://youtu.be/LT_XuN7o_9Q

LOGLINE

1 – L’allineamento galattico sta per verificarsi. Il destino dell’uomo è custodito nella Lens, oggetto alieno controllato dai Creatori. La contesa per il suo possesso scatena la guerra sia in cielo che in terra!

2 – Un oggetto alieno sfugge al controllo degli Dei ed inizia a rivelare la vera storia del genere umano. Sarà compito di una ragazza ritrovarlo e proteggerlo.

3 – Da secoli la verità sulla nostra esistenza ci viene celata. E’ giunto il giorno in cui il creatore, non essendo più in grado di proteggerla, è costretto a ridarla in mano ai suoi figli.

SINOSSI LUNGA

Otto entità aliene governano il Cosmo: sono i Creators. Da tempo immemorabile si riuniscono nel Consiglio Galattico per gestire l’equilibrio dell’Universo attraversato da scontri ed alleanze. E’ la fine dell’anno 2012. Si sta per verificare un imponente allineamento planetario che attraverso grandi cambiamenti vibrazionali darà inizio a una nuova Era, in concomitanza con un’eclissi totale oscurerà Terra.

Lord Kanaff (Marc Fiorini) è, degli otto Creators, l’attuale reggente e responsabile della Terra. Egli è anche il guardiano di Ayon, computer galattico in grado di controllare la dimensione umana, e custode della Lens, hard disc contenente le registrazioni dell’intera storia dell’umanità. Il Consiglio si riunisce per decidere come gestire al meglio l’allineamento in atto. È necessaria la collaborazione di tutti e 8 i Creators che devono mettere a disposizione la propria Lens per sfruttare l’energia sprigionata durate questo particolarissimo evento. Lord Kanaff non si presenta all’incontro, non ha intenzione di collaborare perché il pianeta terra non è pronto al passaggio, il genere umano è tra quelli più a rischio non avendo ancora completamente raggiunto l’evoluzione sufficiente per fare il salto.

Lord Oghma (William Shatner), portavoce dell’Unione Galattica dichiara Lady Airre (Eleonora Fani) la più adatta a convincere Kanaff a collaborare. In passato contribuì attivamente all’esperimento “uomo”, generò dei figli mescolando il suo Dna alieno con quello umano e continuò a controllare il loro esperimento attraverso agli addotti. Se Lei dovesse fallire, il Lord dovrà essere deposto e sostituito. Per poter attuare una qualunque di queste azioni, Lady Airre deve impadronirsi della Lens. I due s’incontrano ma Kanaff non scende a compromessi. La tensione tra i due diviene scontro per il possesso della Lens, pomo della discordia. Lord Kanaff, sconfitto da Lady Airre viene imprigionato nella cella degli Déi e la Lens gettata nella dimensione umana, nascosta ad Ivrea e trasformata in arancia durante il carnevale. La sfera finisce incastrata nella maschera protettiva di un arancere: Alex (PelleK), un giovane medico americano trasferitosi da poco in Italia. Ad Alex l’impatto con l’oggetto alieno cambia la vita. I filmati sconvolgenti contenuti e proiettati dalla sfera raccontano una storia del mondo alternativa, diversa da quella che i Potenti della terra vogliono continuare a presentare al genere umano. Le informazioni contenute nella Lens, se rese pubbliche, potrebbero minare le basi delle religioni e distruggere la cultura odierna. Un altro Creator brama il pianeta Terra, luogo perfetto per dare una nuova dimora al suo popolo morente: Lord Kal (Bruce Payne). Da molto tempo ha iniziato segretamente a dirigere la storia umana attraverso cloni alieni inseriti in posizioni di potere. Uno di loro, il Maestro di Fede (Gerard Depardieu), a cui è affidato il compito di gestire tutte le religioni del nostro pianeta, comincia a ribellarsi al Lord alieno scatenandone l’ira e una violenta reazione. Troppi gli interessi in gioco e i personaggi coinvolti (umani, ibridi e alieni) perché non si realizzi una caccia all’oggetto.

Il nemico è ovunque e ha molte spie… unico obiettivo: trovare per primi la Lens anche a costo di uccidere chi l’ha in consegna. Come Lady Airre per recuperare la sfera sfrutta il suo contatto con Sofy (Jennifer Mischiati), una ragazza addotta, così Lord Kanaff per liberarsi dalla sua prigionia utilizza Natan: l’ignaro, ibrido, figlio di Lady Airre. In un film dove la lotta per la tutela della propria stirpe spinge a mescolare il concetto di bene e male nessuno dei personaggi è completamente buono o cattivo. Riconoscendosi nei pensieri e negli obiettivi dei personaggi lo spettatore è accompagnato in labirintici sentieri che lo spingono a mettere in dubbio le proprie certezze ed a considerare nuove visioni della realtà.

CAST TECNICO

Diretto da Piergiuseppe Zaia

Prodotto da Piergiuseppe Zaia ed Eleonora Fani

Musiche di Piergiuseppe Zaia

Direttore della Fotografia Ezio Gamba

Montaggio di Andrea Torreano

Costumi di Giulia Danese

Vfx&Animazione di Artuniverse

Supervisore effetti speciali Marco Castellani

Colorist Supervisor Walter Volpatto

Produttore esecutivo Michel J. Vandewalle

Sceneggiatura di Eleonora Fani e Piergiuseppe Zaia

Distribuito da Artuniverse in collaborazione con 30 Holding

CAST ARTISTICO

William Shatner

Gérard Depardieu

Bruce Payne

Marc Fiorini

Eleonora Fani

Jennifer Mischiati

Pellek Pete Antico

Sebastien Foucan

Jonna Cambrand

Ksenia Prohaska

Angelo Minoli

Elio Pascarelli

Dylan Ayres

Yohann Chopin

Elisabetta Coraini

Daniel Mcvicar

Brian Ayres

Kristina Pimenova

Mauro Biglino

DOPPIAGGIO

Giancarlo Giannini è Lord Kanaff (Marc Fiorini)

Luca Ward è Lord Kal (Bruce Payne)

Maria Pia Di Meo è Dr. Ferrari (Ksenia Prohaska)

Mario Cordova è Maestro di Fede (Gérard Depardieu)

Bruno Alessandro è Lord Oghma (William Shatner)

Michele Kalamera è Lord Marduk (Peter Antico)

Mattia Ward è Alex (Pellek)

Federico Campaiola è Chris Walker (Yohann Chopin)

Alessandro Campaiola è Tammuz (Sebastien Foucan)

Direttore di doppiaggio: Andrea Ward

Dialoghista e assistente al doppiaggio: Cristina Fenuccio

NOTE DI PRODUZIONE

Artuniverse Srl è una casa di produzione cinematografica sita in Piemonte nata dal produttore, regista e compositore Piergiuseppe Zaia.

L’azienda ha da poco portato a termine un lungometraggio (primo di una trilogia) di genere Fantastico/Sci-Fi, che vede come protagonisti attori del calibro di Gerard Depardieu, William Shatner, Bruce Payne e altri nomi del panorama cinematografico internazionale: Creators – The Past.

Da poco si è conclusa la fase di Color Grading avvenuta ad Hollywood firmata dal supervisore Walter Volpatto, colorista dell’ultimo capitolo della saga di Star Wars. Un film realizzato con una particolare attenzione dedicata alla promozione e alla valorizzazione del nostro territorio, anche attraverso l’inserimento di festival come il Carnevale delle Arance di Ivrea e di location come i Castelli e borghi medioevali del Piemonte e Valle d’Aosta, spaziando però anche in altri panorami quali la splendida Venezia piuttosto che La Fortezza di Carcassonne (Francia). Definito dalle grandi distribuzioni internazionali come il più grande Fantasy mai prodotto in Italia con oltre due terzi degli shots contenenti Effetti Speciali, verrà distribuito a livello mondiale. La nostra azienda si occuperà anche della Distribuzione del prodotto su territorio Italiano.

NOTE DI REGIA

Da sempre ho cercato di dare voce a ciò che sentivo, le forti emozioni dell’anima come la gioia, il dolore, la nostalgia e molte altre che non sapevo nominare, ma che erano per me come una musica che accompagnava i passi della mia vita. La musica è stata ed è ancora la mia grande passione… mi entrava dentro attraverso le immagini che riempivano totalmente lo schermo della mente. A quattro anni già suonavo il pianoforte ed eseguivo le mie prime composizioni musicali mentre cercavo di darle un volto attraverso il disegno e il colore; ancora negli anni seguenti dipingevo attraverso la musica e facevo sculture ma queste erano statiche e non tenevano il passo del suono, che invece si sviluppava dinamicamente. Poi ho capito e fu una folgorazione: esisteva già una forma artistica che le comprendeva tutte, il cinema. Così iniziai le mie prime esperienze dietro la macchina da presa, chiaramente si trattava di video clip musicali dove la musica di un brano bene si sposava con l’immagine. Fu un’esperienza formativa che mi permise di fare il grande salto verso un colossal di calibro internazionale, il primo in Italia di questo genere… ma io ho idee grandiose che tendono a progetti altrettanto grandiosi, forse perché sono italiano e il cuore di noi italiani batte ancora col passo dei nostri antichi avi rinascimentali.

Ma veniamo al nostro film, Creators – The Past, il primo colossal di fantascienza italiano con effetti speciali e attori di fama internazionale, un progetto davvero ambizioso. Per fare un colossal di successo ci vuole una buona sceneggiatura e tanti, tanti soldi. Un problema che gli artisti rinascimentali non avevano per via del mecenatismo, ma anche nel nostro tempo ciò è possibile mettendo insieme più estimatori che, nel mio caso, hanno creduto nel progetto e l’hanno finanziato.

Di tutte le forme d’arte sperimentate mi era rimasta estranea la scrittura, forse perché da sempre avevo sostituito le note alle lettere; già avevo l’idea di una trama che contenesse tutti gli argomenti trattati, ma lo sviluppo completo avvenne solo dopo l’incontro con Eleonora Fani che, con me, ha messo in opera la sceneggiatura mentre scriveva il suo libro; si può dire che film, CD musicale e libro hanno avuto uno sviluppo parallelo, diversamente da come accade di solito, dove la sceneggiatura di un film nasce a partire da un libro di successo.

Eleonora, grazie alla sua formazione junghiana, mi ha introdotto in un universo dove i simboli (come la fenice, l’aquila, il leone e lo scorpione) non sono altro che la manifestazione di essenze archetipiche esistenti in dimensioni parallele, come il tessuto stesso di questo film sviluppato su mondi paralleli; questo è ciò che ci differenzia dai grandi lungometraggi hollywoodiani, che solitamente seguono una traccia di percorso finalizzato, un po’ come i videogiochi si sviluppano intorno ad una missione da svolgere. Questo sviluppo in parallelo del nostro film è una differenza che lo rende un prodotto nuovo, prettamente italiano, dove la fantasia svela la realtà e per questo la voglio definire una “storia vera”. Nella struttura olistica dell’intreccio, i vari personaggi in gioco (i Crearors e gli uomini) sono inseriti in un sistema di entanglement quantistico, ovvero una correlazione a distanza di mondi e dimensioni; lo spettatore è preso per mano da assonanze musicali che lo aiutano a passare da un personaggio all’altro e da una location ad un’altra attraverso l’uso dei leitmotiv, di ispirazione wagneriana, mentre corrispondenze simboliche suggeriscono all’intuizione dell’audience possibili correlazioni che svelano il volto nascosto dell’apparenza. La trama si svolge su dimensioni parallele, che ripropongono eventi simili trasposti sui diversi livelli della realtà come accade tra microcosmo e macrocosmo; in questo contesto conserva ancora il suo valore la frase ermetica “come in alto così in basso per il miracolo di una cosa unica” una buona coniugazione tra la fisica più avanzata, l’alchimia e la tradizione rinascimentale, mi riferisco in particolare all’olismo di Giordano Bruno e ai grandi mistici come Marsilio Ficino e Pico della Mirandola. Questo approccio delinea la sostanziale differenza anche con l’attuale cinema italiano, che dopo grandi registi quali Visconti e Fellini ha subito, malgrado la bravura di molti attori, un graduale appiattimento di valore, fino ad approdare alla commedia spensierata e di incasso ma spesso povera di valori.

I Creators si trasformano, assumono volti e fattezze che mutano, come le maschere veneziane, identità sfuggenti legate ad un mondo di apparenza dove ognuno vede solo la verità che vuole o che è in grado di vedere, un po’ come i personaggi felliniani.

Amo l’Italia, forse perché è la mia casa; con questo film, girato interamente in Italia anche se per un mercato internazionale, ho voluto esaltare luoghi conosciuti, come Venezia durante il carnevale, e situazioni poco note all’estero ma con una storia antica, come il carnevale di Ivrea, la mia città natale, così come il particolare fascino delle risaie del Vercellese e i castelli della Valle d’Aosta.

Il film si conclude con un messaggio salvifico per l’umanità, come l’inizio nasce dalla fine, e la fenice risorge dalle sue ceneri; perciò non bisogna mai perdere la speranza, perché i disegni dell’eterno sono imprevedibili e il cambiamento può essere lì, fermo e in attesa proprio dietro l’angolo.

COLONNA SONORA

Il giovane talento kazako Dimash Qudaibergen, considerato in tutto il mondo una delle voci più belle del pianeta, ha collaborato alla colonna sonora del kolossal. Noto in tutto il mondo per la sua immensa estensione vocale che comprende 6 ottave, superando di due toni il range del pianoforte, coprendo la gamma vocale del baritono, tenore, contralto, mezzo soprano, soprano fino ai sovra acuti udibili.; il ragazzo prodigio della musica Dimash è inoltre un abile polistrumentista e suona perfettamente pianoforte, tastiere, batteria, dombra, chitarra acustica ed elettrica, basso, violoncello e marimba.

Dimash è un vero e proprio ‘alieno’ per le sue peculiarità vocali, ha preso parte con entusiasmo alla realizzazione della colonna sonora del film Creators – The Past e ha interpretato per l’occasione il brano originale “Across Endless Dimensions”. La colonna sonora, edita da Universal Music Publishing Ricordi Srl/Studio Lead Srl, in Dolby Atmos di grande impatto epico sinfonico, ha già vinto numerosi Awards e vanta ben 75 temi originali scritti dal compositore e regista Piergiuseppe Zaia, di cui 24 saranno presenti nella compilation in uscita in tutti gli store musicali e nei digital store a partire da marzo distribuita da Sony Classical International, e che vede la partecipazione, come annunciato, di Dimash e del soprano Adriana Damato.

BIOGRAFIE

PIERGIUSEPPE ZAIA – REGISTA

All’età di quattro anni inizia gli studi di pianoforte e canto con il Maestro L. Mortarino, partecipando e vincendo molti Concorsi Nazionali di canto. All’età di dieci anni viene ammesso al Conservatorio “A. Vivaldi” di Alessandria dove prosegue gli studi di pianoforte con illustri pianisti come il Maestro Audino e Vercillo. Prosegue gli studi di pianoforte, canto, composizione e direzione presso il Conservatorio Giuseppe Verdi di Milano con illustri Maestri come Giampiero Malaspina e Wilma Vernocchi.

A soli diciotto anni entra a far parte dell’Orchestra e Coro della Rai, collaborando con i più grandi Direttori d’orchestra del momento. Nel 1988 debutta come Tenore Lirico con la Tosca di Giacomo Puccini sotto la guida del Maestro Giampiero Malaspina e continuando per diversi anni l’attività concertistica.

Successivamente studia e si perfeziona in composizione e direzione con insegnanti di prestigio come il M° Vladimir Delman e Carl Melles. Contemporaneamente inizia la collaborazione con il Teatro La Scala di Milano per la realizzazione di opere contemporanee come “Ascesa e caduta della città di Mahagonny” di Kurt Weille-Bertold Brecht dirette dal Maestro Virginio Puecher. Lo stesso Puecher lo indirizzerà sulla strada della regia teatrale.

Nell’anno 1989 fonda l’attuale Festival Internazionale della canzone “Festival di Saint-Vincent” scoprendo numerosi talenti e producendoli a livello discografico con la “Master Track Productions” dove inizia l’attività di Produttore e Regista di centinaia di video clip musicali per cantanti famosi ed emergenti. Contemporaneamente dirige per diciotto anni il coro gospel “The Blue Sound Chorus”.

La passione per la regia di video clip lo porta a fondare l’attuale “Artuniverse S.r.l.”, con la quale inizia la produzione come regista e compositore della colonna sonora del lungometraggio “Creators -The Past”, con la partecipazione di illustri attori come William Shatner (Capitano Kirk di Star Trek), Gerard Depardieu, Bruce Payne. Zaia è anche autore con Eleonora Fani della sceneggiatura dell’opera Creators.

WILLIAM SHATNER – LORD OGHMA

William Shatner è un attore, autore, produttore e regista canadese.

Durante la sua carriera televisiva, Shatner è diventato un’icona culturale per la sua interpretazione di James T. Kirk, capitano della USS Enterprise di Star Trek.

Ha scritto una serie di libri che raccontano le sue esperienze nel ruolo del Capitano Kirk, e anche diversi romanzi ambientati nell’universo di Star Trek.

Ha scritto anche una serie di racconti di fantascienza chiamati TekWar che sono stati adattati per la televisione. L’attore ha anche interpretato l’omonimo sergente di polizia veterano in T.J. Hooker (1982–1986) e ha recitato nella serie televisiva Rescue 911 (1989–96), vincitore di un People’s Choice Award. Shatner è apparso anche nelle stagioni 4 e 5 della serie NBC 3rd Rock from the Sun. Dal 2004 al 2008 ha recitato nel ruolo dell’avvocato Denny Crane nell’ultima stagione della serie drammatica The Practice e in Boston Legal, ruolo che gli è valso un premio Emmy e il suo primo Golden Globe. A dicembre 2017 è alla sua seconda stagione nel comico diario di viaggio della NBC, Meglio tardi che mai. Shatner ha anche lavorato come musicista, autore, sceneggiatore, regista e talent scout.

GERARD DEPARDIEU – MASTER OF FAITH

Gérard Depardieu ha lasciato un segno profondo nel mondo della recitazione, guadagnandosi un riconoscimento come uno dei migliori attori d’Europa e anche come sex symbol. Verso la metà degli anni ’70 Depardieu aveva recitato in 11 film francesi, sebbene non avesse goduto di un successo diffuso fino al suo ruolo di criminale nichilista ma amabile in Going Places del regista Bertrand Blier. Nel 1978 Depardieu collaborò nuovamente con Blier per il premio Oscar Get Out Your Handkerchiefs e vinse il prestigioso premio César della Francia per la sua interpretazione come combattente della resistenza in The Last Metro (1980). Dopo la sua interpretazione di un contadino del 16 ° secolo in Il ritorno di Martin Guerre (1982), Depardieu ha interpretato il ruolo da protagonista in Danton e ha diretto Le Tartuffe nel 1984. Gli anni ’90 hanno avuto lo stesso successo per Depardieu, in particolare nella versione del 1990 del regista Jean Paul Rappeneau di Cyrano de Bergerac, per la quale Depardieu ha ottenuto una nomination all’Oscar. Nel 1991 il film americano Green Card con Andie MacDowell gli è valso una nomination ai Golden Globe.

Depardieu è stato elogiato per le sue interpretazioni in Hamlet (1996) di Kenneth Branagh, She’s So Lovely (1997) di Nick Cassavetes e The Man in the lron Mask (1998) di Randall Wallace, con Gabriel Byrne, John Malkovich, Jeremy lrons e Leonardo DiCaprio. Nel 2000 dirige The Bridge, dal 2016 è il protagonista della prima serie prodotta da Netflix in lingua francese, Marseille, in cui interpreta Robért Taro, il potente sindaco di Marsiglia. Ha inoltre diretto e prodotto diversi film con la sua DD Productions.

BRUCE PAYNE – LORD KAL

Bruce Payne ha lavorato a lungo nel cinema, nel teatro e in televisione, sia nel Regno Unito che negli Stati Uniti e in location internazionali. Bruce Payne (produttore, attore) è nato a Londra ed è un artista molto amato e rispettato, riconosciuto in tutto il mondo. Payne ha recitato in Absolute Beginners insieme a David Bowie e all’ex collaboratore Steven Berkoff. A teatro, i titoli di Payne includono le produzioni del West End di Londra con ruoli principali sia in Occidente che in Grecia e in Alice di Nicholas Hytner, oltre a interpretare Frank’Furter nel Rocky Horror Show.

Alcuni dei suoi crediti includono Smart Money e un ruolo da protagonista nella biografia di Oscar Wilde per la BBC e Nikita e Tales from the Crypt per HBO. I suoi film includono Riders con Natasha Henstridge e Stephen Dorff, Dungeons & Dragons al fianco di Jeremy lrons, Thora Birch e Marlon Wayans, Hellborn. One Point O che è stato ben accolto a Cannes, Apocalisse con il defunto Richard Harris, Il bordello, Switch con Ellen Barkin e Pyrates con Kyra Sedgewick e Kevin Bacon. È noto per il suo ruolo di Charles Rane nel thriller d’azione Passenger 57, al fianco di Wesley Snipes, e anche per i suoi ruoli in Highlander, Endgame e Kounterfeit, con Hilary Swank, nonché nel ruolo principale in Keen Eddie di Simon West e il ruolo di Colin in For Queen and Country, con Denzel Washington.

Più di recente Bruce è stato visto con Jon Voight, Ethan Hawke e Selena Gomez in Warner Brother’s Getaway. Ha anche recitato in Vendetta per la regia di Stephen Reynolds, Breakdown di Jonnie Malachi e il film francese in lingua straniera Young Perez per Jaques Ouaniche della Hbo.

ELEONORA FANI – LADY AIRRE

Eleonora Fani si è formata come psicologa e psicoterapeuta interattivo-cognitiva all’Università di Padova, cercando di collegare la sua passione per l’arte, la letteratura e la mitologia classica con il simbolismo, le lingue antiche e la psicologia archetipica. Ha approfondito numerosi campi della medicina non convenzionale, conseguendo il diploma in omeopatia di Hahnemann e quello di ipnositerapeuta.

Dall’età di 12 a 17 anni frequenta la scuola di recitazione Teatro d’Uomo, fondata da Anna Bolens.

Eleonora Fani ha inventato il “metodo psicomimesis”, una tecnica innovativa che utilizza differenti forme espressive, tra cui la recitazione, per modificare la personale rappresentazione del Sé.

Nel 2004, ha pubblicato “Psiche e Afrodite”, un saggio di mitologia classica e psicologia e “Rinascere negli Dei”, una sceneggiatura teatrale con le Edizioni EClG. Tra il 2005 e il 2008 ha seguito il Metodo Strasberg-Stanislavsky al Duse Institute di Roma e ha studiato sotto la guida di Michael Margotta. Nel 2011 ha collaborato con MasterTrack Production, organizzando e dirigendo eventi, trasmissioni televisive e produzioni musicali. Nel 2014 ha iniziato la collaborazione con Artuniverse, dove ha sviluppato e scritto la sceneggiatura di Creators – The Past insieme a Piergiuseppe Zaia. Eleonora Fani e Piergiuseppe Zaia sono entrambi produttori del lungometraggio.

Eleonora Fani è inoltre il direttore di produzione e l’attrice protagonista. Sta ora per pubblicare il romanzo “Creators – The Past”, la cui uscita è prevista poco prima di quella del film nelle sale italiane (marzo 2020).

MARC FIORINI – LORD KANAFF

Maurizio Marco Fiorini, nato in Italia nel 1941, si trasferì in Quebec, in Canada con sua madre dopo la guerra. A soli 16 anni ha frequentato il college e ha studiato fisica teorica e ingegneria aeronautica, ma ha deciso di diventare attore a 21 anni. Fiorini ha studiato alla National Theatre School of Canada di Montreal e ha lavorato in teatro in Canada e Londra (dove ha incontrato John Lennon), prima di tornare in Italia negli anni ’60 per intraprendere il percorso cinematografico. Nella sua carriera Fiorini ha incontrato personaggi come Joseph Campbell e Orson Wells. Fiorini ha recitato in Angeli e Demoni e anche Coco Chanel, The Listening, Edda, Pope John Paul 11, Enzo Ferrari, Cappuccetto rosso, La Guerra è finita, American Ninja V, Out of Control, Cartel, Seta, Down the Drain, Take Two, The Game, Tentacoli, The Martlet’s Tale, 12 + 1, Death of a Salesman e il western El Puro.

JENNIFER MISCHIATI – SOFY

Jennifer Mischiati si è formata alla scuola di teatro Ribalte, sotto Enzo Garinei, poi all’Accademia di arti drammatiche Link Academy e poi a Hollywood all’American Musical and Dramatic Academy.

La carriera di Mischiati va da Desdemona a Otello, a Standing on my Knees, Twelfth Night, The Girl on Via Flaminia e Katia a Lo Sfascio, recitando al fianco di Nicolas Vaporidis. Il debutto cinematografico di Jennifer è iniziato come stand – in per Angelina Jolie ne Il turista, è stata scelta come protagonista in Ex lnferis per la regia di Leonardo Araneo e nel film Evil Things diretto da Simone Gandolfo e in Shades of Truth diretto da Liana Marabini. In TV ha lavorato in Provaci ancora Prof, Don Matteo e Cenerentola diretto da Christian Duguay. Ha anche avuto la fortuna di recitare in numerosi cortometraggi e video musicali per artisti internazionali come Yah Supreme, Silas Mutungi e per l’artista italiano Biagio Antonacci.

PELLEK – ALEX HUNTSMAN

Fredrik Pellek Asly è un cantante, cantautore e attore. È il cantante con il più alto numero di fan su YouTube in Norvegia. Pellek è meglio conosciuto nell’ambiente rock e metal per la sua incredibile voce che raggiunge un’estensione di ben quattro ottave. Pellek ha 3.500.000 iscritti su YouTube, 322.000 follower su Facebook, 152.000 su Instagram e 63.000 su Twitter. I video di Pellek hanno registrato oltre 100.000.000 di visualizzazioni su YouTube. Negli ultimi cinque anni Pellek ha cantato negli Stati Uniti, in Danimarca, Belgio, Norvegia, Regno Unito, Germania, Paesi Bassi, Svizzera, Francia, Spagna, Italia, Austria e Repubblica Ceca. Pellek è apparso nella famosa serie tv Vikings.

PETE ANTICO – LORD MARDUK

Pete Antico ha due passioni, la finanza e il cinema. Ha frequentato la California Lutheran University, il programma di sceneggiatura dell’UCLA e ha studiato recitazione con Allan Rich (A Leap from the Method), e improvvisazione al The Groundling Theatre.

I crediti cinematografici di Antico come attore includono Wall Street 2 di Oliver Stone, in cui interpreta un consulente che offre la sua vasta conoscenza economica a Stone nei panni un gestore di hedge fund, The Other Guys con Will Ferrell e Mark Wahlberg, Black Dynamite, The Hunt For Red October, Con Air, Lethal Weapon III e Time Cop II. Antico ha avuto ruoli memorabili in film come 29th Street con Danny Aiello e Motorcycle Gang, dove l’attore ha anche avuto il privilegio di fare amicizia e di essere guidato dal leggendario scrittore / regista John Milius (Apocalypse Now, Clear and Present Danger). Pete Antico ha recitato come stunt man in diversi film di fama internazionale come Daredevil, Bad Boys II, Joker – Wild Cards fino al più recente Deadpool 2 (2018).

KRISTINA PIMENOVA – SINGING CHILD

Kristina Ruslanovna Pimenova (nata il 27 dicembre 2005) è una modella e attrice russa che vive negli Stati Uniti. I genitori di Pimenova sono l’ex calciatore Ruslan Pimenov e Glikeriya Shirokova, una ex modella. Kristina ha iniziato a fare la modella prima del suo quarto compleanno dopo che sua madre ha inviato le fotografie all’agenzia President Kids e ha lavorato per marchi come Armani, Benetton, Burberry, Roberto Cavalli. Nel 2014, la rivista Women Daily ha definito Pimenova “la bambina più bella del mondo”. A Mosca Pimenova praticava ginnastica ritmica, sotto Olga Kapranova. Nel 2013, ha partecipato a un torneo di ginnastica in Tatarstan organizzato da Alina Kabaeva, vincendo una medaglia d’oro nella sua fascia di età. Nell’aprile 2015 è apparsa sulla copertina di Vogue Kids.

Più tardi nel 2015, Pimenova si è trasferita in California con sua madre. Un documentario su Pimenova è stato trasmesso su RTL Television nell’ottobre 2016. In un’intervista per Posh Kids Magazine ha espresso il desiderio di diventare un’attrice e regista professionista. È stata scelta per il ruolo di Dasha nel film di Michael S. Ojeda The Russian Bride, un thriller horror, con Corbin Bernsen e Oksana Orlan. La produzione è avvenuta nel Michigan a marzo 2017.

MAURO BIGLINO / HIMSELF

Mauro Biglino è traduttore di ebraico biblico all’interno di un progetto editoriale delle Edizioni San Paolo. Biglino ha eseguito la traduzione interlineare di diciassette libri del testo masoretico della Bibbia, ovvero i 12 Profeti minori e le 5 Meghilot, traduzioni raccolte nei due volumi I profeti minori e I cinque Meghillôt. Basandosi in parte sulla sua traduzione, che definisce letterale, Biglino affronta la Bibbia da un lato attribuendole una natura di cronaca storica, dall’altro desumendone ipotesi inseribili nel filone del neoevemerismo, della paleoastronautica e del creazionismo non religioso. Ha interpretato se stesso in Creators: The Past. È inoltre coautore di fumetti basati sui suoi libri.