Atp: prosegue il servizio integrato con Amt per i pendolari del Levante

Dall’ufficio stampa di Atp Esercizio riceviamo e pubblichiamo 

Inaugurato all’inizio di maggio con l’avvio di quella che era stata la
fase 2 della pandemia Covid 19, il servizio integrato tra Amt e Atp per i
pendolari del Levante diretti o in arrivo da Genova proseguirà fino al 31
dicembre. Le due aziende si sono ritrovate in piena sintonia rispetto alla
necessità di proseguire la fase sperimentale, che sarebbe scaduta a fine
settembre. L’accordo di integrazione tariffaria è dedicato ai tanti
passeggeri che ogni giorno arrivano dal Levante e sono diretti a Genova.

Per rispondere all’esigenza di incrementare il trasporto dal comprensorio
del vicino levante, nell’ottica di un mezzo ogni mezz’ora durante la
giornata, Atp ha stabilito da rafforzare ulteriormente la linea verso
Genova Brignole via corso Europa e nello stesso tempo di permettere ai
passeggeri che hanno bisogno di seguire la linea di litorale via Nervi,
Quinto, Quarto e Sturla, di cambiare mezzo una volta giunti a Nervi
potendo usufruire dei mezzi Amt delle linee bus 15 e 31 senza costi
aggiuntivi. Il permesso di viaggio valido sui mezzi Atp, consentirà
infatti di viaggiare su queste due linee nel tratto urbano.

“In questo modo saranno di più i bus a disposizione e senza alcun esborso. È un’iniziativa importante, ad esempio, per i molti lavoratori del comparto
sanità che lavorano all’ospedale pediatrico Gaslini” – dice Roberto
Rolandelli, direttore esercizio Atp. Il presidente Atp Enzo Sivori pone
l’accento sulla nuova dimostrazione di collaborazione tra le aziende:
“Ringrazio Amt per aver accolto la nostra richiesta. Questa capacità di
dialogo a favore dei nostri passeggeri e dei cittadini in genere, è un
punto di forza per entrambe le aziende”.