Sori: presentata la stagione teatrale

Dall’ufficio stampa del Teatro Pubblico Ligure ricevimo e pubblichiamo

Teatro Pubblico Ligure

SoriTaetro

Stagione 2020/2021

Direzione artistica Sergio Maifredi

È più facile insegnare a un poeta a leggere un bilancio che insegnare a un contabile a scrivere. Henry Luce, fondatore di Fortune

Coraggio e poesia sono le bussole che governano la Stagione 2020/2021 di Soriteatro, la sesta di Teatro Pubblico Ligure al Teatro di Sori (Genova) con la direzione artistica di Sergio Maifredi. Negli anni intorno al progetto di Maifredi si è creata una comunità che segue con interesse e partecipazione non solo gli spettacoli ma il pensiero che li accompagna, sviluppato nel tentativo di offrire spunti per affrontare il mondo contemporaneo. Con questo spirito sono nati tanti progetti, tra cui i Racconti in tempo di peste pubblicati sulla pagina Facebook di TPL durante i 100 giorni del lockdown causato dalla pandemia di Covid-19.

Soriteatro 2020/2021 si compone di venti appuntamenti in programma dal 1° ottobre 2020 al 27 maggio 2021. Tanti titoli in cui si distinguono quattro filoni principali: Capitani coraggiosi, dedicato alla grande letteratura di mare; Poeti al comando, ritratti di autori che hanno vissuto dentro il loro tempo usando le parole per produrre bellezza, provocazione, utopia, ribellione, da Dante a Beyoncé; Il mio teatro è una città, seconda edizione del convegno sul rapporto tra teatro e pubblico in Italia e in Europa; Teatralità dell’arte, terza edizione del progetto dedicato all’arte come strumento di comunicazione. Tra i protagonisti, David Riondino, Ascanio Celestini, Giuseppe Cederna, Alessandro Barbero, Federico Sirianni, Gian Luca Favetto, Massimo Minella, Pierpaolo Piludu, Andrea Nicolini, Maurizio Fiorilla, Andrea Porcheddu, Renato Tortarolo, Massimo Bacigalupo, Stefano Casi, Ugo Fracassa.

Confermato anche quest’anno il bus navetta gratuito  della linea Atp, offerto da Teatro Pubblico Ligure, che porterà gli spettatori a Sori da Genova e Camogli (e ritorno) con soste nelle città intermedie e arrivo davanti al Teatro di Sori.

Coraggio e Poesia – dichiara Sergio Maifredi, direttore artistico di Teatro Pubblico Ligure – sono le parole che ci guidano. Capitani coraggiosi e Poeti al comando sono i due progetti che creano la trama e l’ordito della nostra vela. Palazzo San Giorgio porta nella sua storia, nelle sue pietre, nei suoi affreschi il coraggio e la poesia della cultura mediterranea, per questo Teatro Pubblico Ligure ha voluto presentare qui la propria Stagione. Nave che non cammina non governa. Noi la nostra Stagione l’annunciamo per intera.

Nei momenti di incertezza occorre saper leggere i segni del tempo, tracciare nuove rotte, avendo ben chiara la meta, pronti a virare. La stagione che ci attende richiede idee, coraggio, incoscienza, poesia, visione, preveggenza.  Servono il salto dell’acrobata, la battuta del clown, il pensiero del filosofo, la leggerezza del musicista, il tratto del pittore, l’equilibrio del funambolo, la penna e la spada di Cirano.

Il bilancio della prossima stagione non sarà fatto da somme e sottrazioni, il bilancio riporterà il numero delle volte in cui ci saremo emozionati, in cui avremo avuto un’idea nuova, in cui non ci saremo sentiti soli, in cui, contro ogni logica, avremo pensato che sì, una via d’uscita c’è. La stagione che verrà l’abbiamo costruita così, con le parole dei poeti di oggi e di ieri, ascoltando la forza rivoluzionaria del passato: parole antiche per pensieri nuovi. Crediamo ci sia bisogno di pensieri belli, alti, limpidi. La nostra bussola ci indica un nord poetico a cui tendere. Lì vorremmo incamminarci, insieme a Voi.

IL COVID- 19 – Sarà Ascanio Celestini, giovedì 15 ottobre a ritornare sulla pandemia, con I parassiti – Un diario nei giorni del Covid-19, accompagnato alla fisarmonica da Gian Luca Casadei. Piccole storie comuni con i tanti riflessi di una situazione inaspettata e difficile da accettare.

Ascanio celestini (foto MaxValle)

CAPITANI CORAGGIOSI – Tre spettacoli dedicati alla grande letteratura di mare, alla storia di marinai, naufraghi ed esploratori che hanno osato sfidare la paura dell’ignoto, un progetto ideato a prodotto da Teatro Pubblico Ligure. Il corsaro nero di Emilio Salgari con David Riondino (1 ottobre) restituisce il forma di ballata la storia del Cavaliere di Roccabruna, Signore di Ventimiglia. L’isola del tesoro di Robert Louis Stevenson con Giuseppe Cederna (29 ottobre), tratto da uno dei più amati romanzi d’avventura, tra ritmo incalzante e colpi di scena. Maqroll, gabbiere (e altre ballate del mare) di Federico Sirianni (18 febbraio), in scena con Raffaele Rebaudengo alla viola, uno spettacolo di narrazioni e canzoni con il pluripremiato cantautore genovese.

Federico Sirianni

POETI AL COMANDO – Il secondo progetto di Teatro Pubblico Ligure, architrave di SoriTeatro 20/21 si compone di sette serate dedicate a scrittori, poeti, grandi interpreti della musica internazionale che hanno saputo vivere dentro il loro tempo, usando le parole per produrre bellezza, provocazione, utopia, ribellione. Gabriele D’annunzio raccontato da Alessandro Barbero (21 gennaio) in dialogo con Renzo Parodi, mettendo l’impresa fiumana in primo piano. Dante Alighieri raccontato da Maurizio Fiorilla (4 febbraio), docente di Filologia della Letteratura Italiana e Filologia e critica dantesca presso l’Università degli Studi Roma Tre, che parlerà di Dante, di cui nel 2021 ricorre il settimo centenario della morte, come il primo grande poeta della nostra letteratura a condizionare il proprio tempo con i suoi scritti e le sue azioni. Curzio Malaparte raccontato da Ugo Fracassa (4 marzo), ricercatore e critico letterario, docente di Teoria della letteratura nell’Università Roma Tre, che illustra l’esperienza africana dell’autore de La pelle. Bob Dylan (15 aprile) e Beyoncé (13 maggio) raccontati dal giornalista Renato Tortarolo: un grande poeta rock e una delle donne più influenti del pianeta, front woman di un movimento femminile non solo nero. Pier Paolo Pasolini raccontato da Stefano Casi (29 aprile), giornalista, Dramaturg, professore e studioso dell’autore di Ragazzi di vita, vera coscienza critica dell’Italia in trasformazione dall’economia agraria all’economia industriale. Ezra Pound raccontato da Massimo Bacigalupo (27 maggio), docente di Storia e Letteratura Inglese all’Università di Genova, grande esperto dell’autore dei Cantos, poema in gran parte scritto in Liguria.

Alessandro Barbero

TEATRALITÀ DELL’ARTE/SORI ARTE – Massimo Minella, giornalista e scrittore, e Sergio Maifredi sono gli ideatori del progetto Una teatralità dell’arte, arrivato alla terza edizione, che fa parte di Sori Arte. Gli appuntamenti alla scoperta delle opere d’arte liguri, lette mettendo in evidenza la qualità del loro potere comunicativo, quest’anno sono quattro: In viaggio nell’archeologia industriale. L’Hennebique fra porto e città con Giovanna Rosso del Brenna (docente di Archeologia industriale all’Università di Genova) e Jacopo Baccani (architetto e fotografo); La Fondazione Ansaldo, un viaggio nel cuore del più importante archivio d’impresa in Italia condotto dal direttore Lorenzo Fiori; Sulle tracce di Lucio Fontana, percorsi e suggestioni ad Albissola Marina con la guida d’eccezione di Paola Valenti (docente di Metodologia per lo studio dell’arte contemporanea dell’Università di Genova); Falsi d’autore. Una storia infinita da Vermeer a Modigliani con Leo Lecci (docente di Storia dell’arte contemporanea all’Università di Genova). Le date sono in via di definizione.

ATTRAVERSO PERSONE E COSE – Gian Luca Favetto, che da anni accosta il suo ruolo di scrittore all’attività di drammaturgo del Teatro Pubblico Ligure con progetti come Atlante del Gran Kan. Autobiografie di una città, il 14 gennaio presenta Attraverso persone e cose. Il racconto della poesia, dove mette insieme vita e scrittura, guidandoci in un percorso in cui la poesia e la letteratura danno forma e direzione al vivere.

MACISTE VS CIMASTE –Massimo Minella, giornalista e scrittore, da lungo tempo stretto collaboratore di Teatro Pubblico Ligure, il 18 aprile presenta lo spettacolo Maciste vs Cimaste, accompagnato da Franco Piccolo alla fisarmonica, Augusto Forin alla chitarra e alla voce. Parla di due camalli del porto, uno di Genova l’altro della Spezia, diventati due attori del cinema muto: Bartolomeo Pagano, in arte Maciste, famosissimo e osannato dal pubblico; Umberto Guarracino, in arte Cimaste, celebre per breve tempo, prima dell’oblio. Li uniscono il lavoro e la fatica, li separano la carriera e l’epilogo.

PESTICIDIO – Cada die Teatro è ospite di SoriTeatro 20/21 con Pesticidio di Pierpaolo Piludu e Andrea Serra, in scena il 12 novembre con lo stesso Piludu. Racconta la storia di un contadino, Bachisio, un uomo buono e semplice. Bachisio tenta di difendere la terra che la sua famiglia coltiva da generazioni in Sardegna, dall’inquinamento prodotto dalle grandi industrie e dallo sfruttamento intensivo del territorio.

IL CONTRABBASSO – Andrea Nicolini, attore e musicista protagonista di molte produzioni di TPL, il 17 dicembre è protagonista del monologo Il contrabbasso di Patrick Süskind, l’autore del romanzo Il profumo. Messo in scena con la regia di Luca Giberti e le scene firmate da Guido Fiorato, il testo ripercorre il rapporto di amore e odio fra l’uomo e il suo strumento, metafora del suo approccio alla vita.

IL MIO TEATRO È UNA CITTÀ – Venerdì 26 e sabato 27 febbraio avrà luogo la seconda edizione del convegno sulle analisi delle dinamiche che regolano il rapporto tra teatro e pubblico in Italia e in Europa. Il progetto è ideato da Sergio Maifredi e da Andrea Porcheddu, giornalista, critico, studioso di teatro. A un anno esatto dalla prima edizione, ad un anno dall’inizio dell’emergenza e della chiusura dei Teatri, una riflessione a livello internazionale sul rapporto Teatro e Comunità con ospiti provenienti dall’Italia e dall’Europa.

BIGLIETTI E ABBONAMENTI – Il Teatro Comunale di Sori è in via Combattenti Alleati 4 (0185 700681). I biglietti si possono prenotare anche telefonando alla Pro Loco di Sori (0185 700681), alla Pro Loco di Recco (0185 722440), alla Pro Loco di Bogliasco (010 3470429), alla Pro Loco di Camogli (0185 771066), on line su Happyticket e su www.genovateatro.it. Il prezzo del biglietto singolo, su libera scelta dello spettatore, è 15 euro intero, 12 euro ridotto, 20 euro Sostenitore, 50 euro Mecenate. Chi è in possesso della card “Abbonamento al buio” può acquistare i biglietti per i singoli spettacoli e per qualsiasi posto scegliendo liberamente tra le seguenti tariffe: 2 euro (Spettatore Iros), 10 euro (Amico), 20 euro (Sostenitore) 50 euro (Mecenate). Lo spettacolo di Ascanio Celestini è fuori abbonamento: posto unico 20 euro. Per Teatralità dell’Arte / Sori Arte: biglietto 10 euro, gratuito per gli abbonati. Informazioni e aggiornamenti su www.soriteatro.it e www.teatropubblicoligure.it.

SoriTeatro è sostenuto dal Comune di Sori e dalla Regione Liguria attraverso Teatro Pubblico Ligure che la organizza e la promuove, in collaborazione con la Pro Loco. La Compagnia di San Paolo con il bando Rincontriamoci sostiene il progetto Sori Teatro e attraverso il bando Performing Arts sostiene la Stagione 2020/2021 del Teatro Sociale di Camogli in parteneriato con il Teatro Pubblico Ligure.

La stagione