Lettere/ “Da Lavagna a ‘Santa’, propaggine di Genova”

Da Matteo Cogorno riceviamo e pubblichiamo

mi sono imbattuto nella vostra riflessione sul mancato ‘gioco di squadra’ fra le località tigulliche per quanto concerne il turismo. Io abito a Riva Trigoso e ritengo sia giusto e corretto (ed anche plausibile da un punto di vista geografico e logistico) che Sestri Levante e la Val Petronio strizzino l’occhio alla Riviera Spezzina ed alle Cinque Terre. D’altronde lo fanno già in tantissimi: da buon iscritto ai social network più popolari, noto con sempre maggiore frequenza (e piacere, se posso dirlo) che molti turisti scelgono come base di partenza Sestri Levante per poi proseguire lungo il versante orientale della nostra bella Liguria.

Il resto del Tigullio, da Lavagna a Santa Margherita Ligure, obiettivamente non ha un grande appeal, viene sempre più  percepito (per quello che leggo a volte) come una propaggine, non esattamente attraente, della grande Genova.