Zoagli: lettera di Cesare Macciò agli elettori

Da Cesare Macciò, candidato nella lista “Zoagli Insieme” con candidato sindaco Fabio De Ponti, riceviamo e pubblichimono la lettera aerta indirizzata agli elettori zoagliesi

 Buongiorno, mi presento per coloro che non ho avuto, ancora, il piacere di incontrare personalmente, sono Cesare Maccio’ consigliere di opposizione uscente e mi candido a sostegno della lista Zoagli Insieme.FabioDe Ponti ,il nostro candidato Sindaco, è stato al mio fianco nei banchi dell’opposizione negli ultimi 4 anni e di lui ho apprezzato la determinazione e la tenacia nel raggiungere gli obiettivi del gruppo. A volte, inizialmente, ci siamo trovatisu posizioni differenti, ma mai ci siamo alzati dal tavolo con soluzioni non condivise; questo, secondo me, è una garanzia per il futuro del nostro gruppo, che comprende persone innamorate del loro paese.Con questa lettera desidero ricordare l’impegno da noi profuso come opposizione, negli anni, in un ambiente ostile, a causa degli atteggiamenti degli ex amministratori.Con difficoltà abbiamo portato avanti varie battaglie. Sin dall’inizio, la nostra capogruppo aveva evidenziato problemi nel bilancio, ma siamo stati derisi einascoltati; poi il tempo, galantuomo, ci ha dato ragione.L’ opposizione è stata costruttiva, anche se, molto raramente, le mozioni da noi presentate hanno trovato il plauso della maggioranza come le centinaia di interpellanze che, spesso, ci venivano segnalate dai cittadini per piccoli e grandi problemi del nostro paese, sono rimaste inascoltate.Negli ultimi anni un problema ricorrente per il nostro paese è stato quello della viabilità, a causa di frane e di lavori; questo tema è stato affrontato in consiglio e spesso abbiamo scrittoraccomandate ad Anas e Procura della Repubblica, con scarso risultato, poiché non abbiamo mai e dico mai avuto la collaborazione della maggioranza.Abbiamo cercato di affrontare anche il problema del canone di depurazione, che molti cittadini continuano a pagare, pur non avendo alcun servizio adeguato. Purtroppo, anche in questo caso, ci è stato risposto, erroneamente, che il comune non poteva far nulla, mentre avrebbe potuto convocare Iren e sedersi ad un tavolo, provando così a risolvere la situazione e a non lasciare gli utenti soli contro il gestore.Un’ argomento caro ai cittadini è il degrado dei cimiteri; in merito, abbiamo presentato una mozione, approvata molti anni fa, ma mai attuata, sulle tombe abbandonate, che, dopo alcuni anni, potrebbero diventare proprietà del comune e, con il ricavato della vendita, potrebbero essere migliorati i servizi stessi dei cimiteri e cofinanziata la costruzione del nuovo cimitero di Sant’Ambrogio.Altri punti portati all’attenzione del Consiglio, oltre a quelli appena esposti, sono: i disservizi postali, le proposte sui parcheggi (oggi quanto mai attuali), le telecamere in convenzione con i privati (costo zero per l’amministrazione), le agevolazioni tariffarie per le attività che restano aperte tutto l’anno (già approvata, ma mai attuata), denunce sui disservizi della spazzatura e sul problema dei cinghiali.

 

Desidero anchericordare una battaglia, che, prima hoportato avanti personalmente negli anni e, poi, insieme al gruppo Uniti per Zoagli: la richiesta delle riprese televisive dei consigli comunali. Questa lunga battaglia fu vinta solo all’ultima seduta (prima del commissariamento) dal sottoscritto che, essendo in quel momentooccasionalmente Presidente del Consiglio, autorizzai una diretta Facebook del Consiglio comunale, diretta vista nelle settimane successive da centinaia di persone. Ad oggi la situazione è questa: le dirette sono autorizzate e spero che nessuna delle altre liste si permetta di revocarle, in quanto la trasparenza è un obbligo di legge.Ora desidero portare l’attenzione sul futuro della nostra cittadina.Zoagli ha bisogno non solo di un Sindaco, ma dipersone competenti. Solo un gruppo può riuscire in questo compito, nonun uomo solo al comando, ma una squadra.Perfar rivivere il paese, è necessario far ripartire l’associazionismo, ora assente. Fino a qualche anno fa, infatti, esistevano associazioni culturali, sportive, pro loco, che oggi non ci sono più. Bisogna attirare famiglie, che desiderino vivere a Zoagli egarantire loro i servizi: asili(ne abbiamo due eccellenti), scuole, trasporti…Ci vuole un paese vivo 365 giorni all’anno.È, inoltre, assolutamente necessario rivedere il bando parcheggi, oggi troppo penalizzante sia per residenti, turisti e commercianti.Per quanto concerne il commercio, è necessario approvare un piano commerciale condiviso con tutte le attività, al fine di garantire i servizi ai cittadini e ai turisti. Come già inserito nel nostro programma, è necessario un consiglio dei commercianti, dove i rappresentanti delle varie attività collaborino con l’amministrazione, per scelte condivise e non più imposte dall’alto.Mi piacerebbe portare a Zoagli una esperienza vincente di altri piccoli borghi; L’albergo diffuso: noi abbiamo alberghi, bed endbreakfast e moltissime case vacanze,(più di cento), e necessario creare un ambiente di scambio tra domanda ed offerta di affitto turistico, in questo modo si eviterebbero le costose commissioni applicate dai portali(booking Airbnb ecc) e le strutture potrebbero scambiarsi gli ospiti in caso di eccessi di richieste, in fondo troverete il link che parla proprio di questo.Sempre per quanto riguarda il turismo è necessariopuntare sui nuovi canali(facebook, Instagram ecc) per raggiungere potenziali turisti, canali poco costosi che però stanno diventando fondamentali.Un tema, che mi sta particolarmente a cuore, è quello dell’ambiente, sia terrestre che marino; i sentieri dovrebbero essere in ordine tutto l’anno, come era in passato, dovremmo attivarci per reperire fondi regionali e aiutare, così, i proprietari dei terreni a tenerli pulitie ad ottenere contributi per i bellissimi, macostosi muretti a secco.Il piano urbanistico Comunale va definitivamente approvato, ma deve guardare alla salvaguardia e non alla speculazione.

Per quanto riguarda la problematica relativa alla gestione dei cinghiali, è necessaria la massima collaborazione con gli enti preposti (oggi Atc Ge 2), onde arrivare a soluzioni condivise per rendere meno impattante la loro presenza sul territorio. È necessario verificare gli scarichi a mare, al fine di garantire una balneabilità eccellente, condizione fondamentale per turisti e residenti.                                                                                                                                                                                                                                                                       Bisogna dedicarsi alla piccola manutenzione; mi viene in mente, ad esempio, un muretto pericolante sotto il ponte di Zoagli, nelle stesse condizioni da anni e mai riparato, o altre piccole cose, come scalette comunali rotte, o lampioni spenti che sono riparabili in poche ore. Insomma, l’ordinaria manutenzione deve essere garantita e la straordinaria dovrà essere programmata per tempo.Come già scritto nel programma, dovrà essere portata l’illuminazione nelle strade, dove ora non è sufficiente, ad esempio in via Cave e parte di San Bernardoe Semorile, utilizzando le nuove tecnologie, come lampioni solari, che vengono ormai usati da anni in altri comuni e perfettamente funzionanti.Anche la gestione della spazzatura andrà ulteriormente migliorata, potenziandola in certi periodi dell’anno (come d’estate e nelle festività) e dovranno essere introdotti adeguati sistemi di controllo.Questi sono alcunidei punti, che mi piacerebbe affrontare e realizzare, una volta entrato in maggioranza; mi ha fatto piacere condividerli con voi e ringrazio chi ha avuto la pazienza di leggere fino in fondo questa mia lettera.