Recco: “A-12 ad ostacoli; 350 metri percorsi in 40 minuti”

Da Cinzia Donati riceviamo e pubblichiamo

Incubo autostrade. Potrebbe essere il titolo di un nuovo programma televisivo ed invece è quello che dobbiamo vivere sulla nostra pelle ogni giorno.Vorrei portare a conoscenza l’episodio odierno, io sono una volontaria della pubblica assistenza, già stamattina l’ingresso al casello di Rapallo perché si era già formata una coda per incidente a Recco poi fortunatamente riesco a recuperare il ritardo, prendo la mia paziente e rientriamo su Recco procediamo senza troppi intoppi fino a Rapallo poi l’ennesimo scambio di carreggiata ed infine “sorpresa” il blocco della circolazione stradale in uscita a Recco, avviso dei lavori e corsia unica a 700 metri poi sempre meno … 400 metri e nessuno si muove più.
Scendiamo dalle macchine, arriva la polizia che si fa largo per poi sparire tra i camion e le auto.
Ogni tanto ci si muove di un metro, intanto la mia paziente che per la terapia si alza alle 5.30 e non vede l’ora di essere a casa, rimane interdetta e prega solo di uscire dall’autostrada ed è passato mezzogiorno 
Per fare questi ultimi 350 metri abbiamo impiegato 40 minuti … un’unica parola vergogna e aggiungo anche mancanza di rispetto.
Bastava un pannello prima di Rapallo per avvisare del blocco.
A proposito “governo… quale premio abbiamo vinto per aver partecipato a Autostrade da incubo” ???