Chiavari: “Pista ciclabile, migliorie indispensabili”

Da Nicholas Fadda, Commissario Lega Giovani Tigullio-Golfo Paradiso, riceviamo e pubblichiamo

La pista ciclabile voluta dalla giunta di Chiavari non può che essere un progetto condivisibile, tuttavia presenta ancora ampi margini di miglioramento che riguardano la viabilità alterata dal percorso. Si pensi principalmente a punti di svolta di per sé noti per la loro pericolosità a cui ora si aggiunge il tratto ciclabile, come sono l’immissione dal lungo Entella a Viale Tito Groppo a ridosso di una curva con scarsa visibilità per chi proviene da monte. 
Al fine di evitare ulteriori criticità anche per i pedoni (il cui spazio percorribile, in alcuni casi verrà nettamente ridotto) si rende necessario integrare segnalatori luminosi nei tratti di percorso in corrispondenza di attraversamenti ed aree pedonali come il lungomare, dove, specie in questo periodo, vi è un maggior flusso di persone, biciclette e autoveicoli. Questi ultimi peraltro dovranno fare i conti oltre che con la netta riduzione dei parcheggi, con i passi carrabili ostacolati dalla pista stessa lungo Viale Tito Groppo, di conseguenza il disagio degli abitanti in quella zona sarà inevitabile.
Perciò, nonostante il progetto di base (ormai in fase di costruzione) possa dimostrarsi proficuo, i perfezionamenti da fare sono al dir poco indispensabili al fine di non trascurare la sicurezza della viabilità.
Detto ciò, questo è tutt’altro che un attacco a priori, si tratta invece di una critica completamente costruttiva e propositiva rivolta all’amministrazione.