Lavagna: rifiuti abbandonati in porto; denunciati i responsabili

Dall’Ufficio Circondariale Marittimo di Santa Margherita Ligure riceviamo e pubblichiamo

La Guardia costiera di Lavagna ha deferito all’Autorità giudiziaria il titolare e due operai di una locale ditta di meccanica navale, che si sono resi responsabili dell’abbandono di un grosso fusto di olio lubrificante per motori, ormai esausto. Il recipiente era stato scaricato presso il punto di raccolta differenziata dei rifiuti, nel piazzale centrale del porto.

Nel dettaglio, il 29 giugno, i militari dell’Ufficio marittimo avevano notato la presenza di un voluminoso bidone metallico, dal quale, a causa di un foro, era fuoriuscita una cospicua quantità di prodotto. L’olio, attraversando parte del parcheggio e della viabilità interna, aveva quasi raggiunto il ciglio banchina. La circostanza non era passata inosservata neanche agli utenti del porto che, sui social network, avevano denunciato la situazione, postando alcune fotografie.

Nell’immediatezza, il personale della Guardia costiera, tramite la società di gestione del porto turistico, aveva fatto rimuovere il fusto. La zona era stata bonificata, cospargendo il terreno con materiale assorbente. Successivamente, attraverso la visione delle immagini riprese dal sistema di videosorveglianza del porto, è stato possibile risalire alla ditta responsabile dell’abbandono del rifiuto. Quindi, tramite successive indagini, sono stati individuati i soggetti che materialmente avevano posto in essere la condotta. Questi ultimi sono stati denunciati, in concorso con il legale rappresentante della società.  

Chiama il 1530 per comunicare con la sala operativa del più vicino ufficio di Guardia costiera.