Cinque Terre: colonnella camogliese a difesa del territorio

Nelle Cinque Terre c’è un presidio di Carabinieri forestali al comando di un tenente colonnello, la camogliese Silvia Olivari, studi, lauree, passione, professionalità dedicati alla difesa della natura e dell’ambiente. Una grande esperienza messa anche a disposizione di molte pubblicazioni e in particolare al Parco regionale di Portofino che conosce perfettamente sotto ogni angolazione.

Oggi la Repubblica le dedica un ampio servizio raccontando il lavoro che Olivari svolge come una missione, assieme alla sua squadra nel Parco delle Cinque Terre. Nel primo semestre del 2020 sono stati effettuati 500 controlli; 41 riguardano i cantieri edili e i trasporti del materiale in elicottero, col conseguente sequestro di un immobile, sei denunce e due sanzioni.

I controlli guardano anche il conferimento dei rifiuti, il bracconaggio, l’esercizio abusivo di guida turistica. Il lavoro del tenente colonnello Olivari guarda anche alla difesa delle specie vegetali e animali autoctone e alla prevenzione, ad esempio, della morte dei migranti che si riposano sui cavi elettrici restandone folgorati. Olivari, inoltre, tiene molte conferenze illustrando i temi ambientali che occorre approfondire e il patrimonio delle Cinque Terre che occorre difendere, anche dagli speculatori.