Lavagna: “vendono” auto truffando l’acquirente

I Carabinieri della Stazione di Lavagna hanno deferito in stato di libertà due persone per il reato di truffa in concorso. I due, in concorso tra loro e rispettivamente in qualità di amministratore unico e di addetto alle vendite di una concessionaria di auto, hanno ricevuto dal querelante la somma di 8.000 euro quale corrispettivo per l’acquisto di un’automobile, senza poi provvedere alla consegna del veicolo o alla restituzione della somma anticipata dal compratore.