Lettere/ “Spiaggia libera di Recco, non è come Nizza”

Da Emanuele Proface riceviamo e pubblichiamo

Domenica mattina ho utilizzato per la prima volta quest’anno la spiaggia libera di levante, davanti alle Poste.
Sono rimasto negativamente sorpreso nel constatare che alcuni servizi essenziali per una spiaggia libera degna di questo nome (peraltro presenti in passato) sono totalmente assenti: neanche una doccia, un rubinetto, nè un WC o una cabina per cambiarsi e la pulizia dell’arenile molto carente.
Secondo me, e penso molti altri, se Recco vuole avere un maggiore appeal turistico e se vuole rendere un servizio adeguato ai suoi cittadini, dovrebbe migliorare il livello qualitativo delle sue spiagge libere, così come avviene in molti altri comuni liguri, per non parlare della vicina Costa Azzurra.