Levanto Music Festival Amfiteatrof: confermata la 29^ edizione

Da Studio Comunicazione Gardella riceviamo e pubblichiamo

Dal 4 luglio al 12 settembre 2020 si conferma il Levanto Music Festival Amfiteatrof, giunto alla sua ventinovesima edizione, colonna sonora dell’estate nella cittadina ligure di Levanto (SP) (levantomusicfestival.it).

Con una formula rinnovata e flessibile, all’insegna della resilienza, la manifestazione si presenta quest’anno con un programma musicale ridefinito, studiato per garantire la massima sicurezza degli ospiti, degli artisti e di tutti i tecnici, senza rinunciare all’alto livello culturale e musicale e all’integrazione con il territorio.

Tredici spettacoli dal vivo e undici incontri e conversazioni, in luoghi alternativi ma anche online, con dirette Facebook e doppio streaming, per godere ovunque delle esperienze artistiche di altissima qualità inserite in cartellone.

“Il Festival di Levanto è senza dubbio una bellissima occasione per andare alla scoperta del Levante ligure assaporando spettacoli musicali all’insegna della varietà e della consueta qualità. Il programma prevede infatti che si vada dalla classica al jazz, fino al pop, con uno spirito propositivo e dimostrazione di grande apertura, ma anche di forza e decisione: non a caso il titolo scelto per questa edizione è ‘resilienza furibonda’, che dà l’idea della carica e dell’energia che gli organizzatori hanno profuso per confermare questo storico appuntamento nonostante le misure di sicurezza che è stato necessario mettere in campo. La proposta che ne nasce è un mix di concerto in presenza e in streaming, a dimostrazione di una grande inventiva e di una voglia di ripartire, in piena sicurezza, che va oltre alle difficoltà.” – dichiara l’assessore regionale alla cultura Ilaria Cavo.

“Ci affacciamo a questa edizione molto particolare del Festival con tenacia e volontà di agire resilientemente, ma anche fantasia e creatività, per continuare ad offrire una proposta culturale eccellente e valorizzare il territorio di Levanto e la sua vocazione musicale – commenta Laura Canale, presidente di Officine del Levante e del Festival – Resilienza e Complicità sono le parole chiave di questa edizione: una resilienza tenace e “furibonda” e una grande complicità con gli artisti, fra gli artisti, con gli spettatori e con la comunità di Levanto, che ci sostiene calorosamente ed è pronta ad accogliere un pubblico altrettanto caloroso. Ripartiamo più consapevoli, ridefinendo gli spazi e le modalità, per garantire ai nostri ospiti e a chi lavora con noi le necessarie misure di sicurezza, senza rinunciare in alcun modo al piacere della musica, il cuore del nostro Festival”.

“I tempi duri esigono un po’ di fatica, ma soprattutto un colpo di reni, uno sforzo creativo, uno spirito innovativo, per trovare e intraprendere con coraggio strade alternative – aggiungono Tiziana Canfori e Fausto Cosentino, alla direzione artistica del Festival. – Il programma originario è stato quindi ridefinito, ma mantiene intatti valore, equilibrio, significato e qualità. Ad arricchirlo, l’indispensabile apertura ai nuovi strumenti digitali, che noi vogliamo interpretare a modo nostro: lo streaming, i video concerti e le dirette su schermi posizionati in angoli piacevoli e cruciali di Levanto offriranno, infatti, al pubblico una nuova, originale, esperienza di ascolto, che ben si concilia con l’alto livello della performance musicale. Vogliamo trasmettere il piacere di esserci, di partecipare, ma anche di vivere il paese come un grande giardino, con gli amici, la famiglia, immersi nella musica, perché la musica non si fa solo dal vivo ma può diventare preziosa occasione di incontro autentico tra le persone”.

Il programma prende il via sabato 4 luglio con un incontro dedicato al violoncello da spalla, variante dello strumento caro al M° Amfiteatrof, a cui il Festival è dedicato, e proseguirà con un ricco calendario e la partecipazione di ospiti d’eccezione. Musica classica, con diversi omaggi ai 250 anni dalla nascita di Beethoven, fra cui quello di Massimiliano Damerini, e uno speciale concerto del Quartetto di Cremona, musica tradizionale dei popoli, che vedrà la partecipazione tra gli altri di Cadira Trio, jazz, con Johannes Faber, Guido Festinese e Paolo Silvestri, teatro a tema musicale con lo spettacolo “Dolorose armonie – Carlo Gesualdo Principe madrigalista”, nato appositamente per il Festival: sono questi i filoni tematici del programma, percorso da un’attenzione particolare ai giovani, alla formazione e ai mestieri della musica.

Levanto Music Festival Amfiteatrof si prepara quindi ad accogliere i propri ospiti in totale sicurezza, garantendo distanziamento sociale e misurazione della temperatura per gli spettacoli dal vivo, che saranno a numero chiuso e avranno inoltre l’obbligo di prenotazione (gratuita).

Levanto Music Festival porta avanti la tradizione del Festival Amfitreatof, nato nel 1992 per celebrare Massimo Amfiteatrof (Maksim Aleksandrovič Amfiteatrov), violoncellista di fama internazionale che nei primi decenni del Novecento si trasferì da San Pietroburgo in Italia, a Levanto, catalizzando qui artisti e intellettuali russi esuli in Italia. La sua passione per la musica e per quel territorio è ancora oggi al centro della filosofia del Festival, che da ventinove anni si dimostra capace di attrarre un qualificato pubblico nazionale e internazionale.  

Dal 2019 il Festival è organizzato dall’associazione Officine del Levante e diretto da Tiziana Canfori e Fausto Cosentino. Con il patrocinio del Comune di Levanto e della Regione Liguria, può contare inoltre sulla collaborazione delle principali istituzioni del settore musicale ligure, tra cui il Festival internazionale di musica da camera di Cervo, il Conservatorio Nicolò Paganini di Genova e il Conservatorio Giacomo Puccini di La Spezia.

Levanto Music Festival Amfiteatrof ha il patrocinio del Comune di Levanto e il sostegno di Regione Liguria e Camera di Commercio Riviere di Liguria. È organizzato in collaborazione con Conservatorio Niccolò Paganini, Conservatorio Giacomo Puccini, Associazione Amici di Paganini, Classica HD, Festival Paganiniano di Carro, Festival Internazionale di Musica da Camera di Cervo.

Per informazioni sul programma, sulle modalità di partecipazione e in caso di variazioni consultare:

http://levantomusicfestival.it

Facebook @levantomusicfestival

Il libretto: Libretto

Cartellone 2020

Sabato 11 luglio Piazzetta della Compera, ore 21.30
Cadira Trio – Nell’Anello d’Acque

Domenica 2 agosto Spazio Luzzati, Comune, ore 21.30
Voci barocche – Francesco Galligioni

Domenica 9 agosto Sagrato di Sant’Andrea, ore 21.30
Paganini, la meraviglia – in collaborazione con il Festival Paganiniano di Carro

Martedì 11 agosto Piazzetta della Compera, ore 21.30
Beethoven e Paganini, protagonisti della rivoluzione musicale
Polacco, Franzetti, Attademo, Pagani

Domenica 16 agosto Auditorium Ospitalia, ore 21.30
Quartetto di Cremona – Ludwig van Beethoven

Martedì 18 agosto Loggia, ore 21.30
Seyir Trio – musica ottomana

Sabato 22 agosto Park Hotel Argento, ore 21.30
Suoni nelle culture – Romano, Lombardo

Venerdì 28 agosto Piazzetta della Compera, ore 21.30
Trio Conductus

Mercoledì 2 settembre Auditorium Ospitalia, ore 21.30
Dolorose armonie – Carlo Gesualdo Principe madrigalista
Vittorio Ristagno, Sarah Pesca, coll. Conservatorio “Paganini”
testo e regia di Fausto Cosentino

Sabato 5 settembre Park Hotel Argento. ore 21.30
The Northern Breeze – Irish flute music – Balatti e Caronna

Lunedì 7 settembre Spazio Luzzati (o Auditorium, da definire), ore 21.30
Trio Myosotis (in collaborazione con Conservatorio “G. Puccini” – La Spezia)

Mercoledì 9 settembre Spazio Luzzati (o Auditorium, da definire), ore 21.30
Massimiliano Damerini, pianoforte
Wiener Atmosphäre

Sabato 12 settembre Piazze e piazzette del centro di Levanto
Liguria, suoni dai monti e dal mare – giovani canterini di Sant’Olcese – Enerbia Trio – Fabio Rinaudo e Stefano Buscaglia

Conversazioni, proiezioni, incontri, videoconcerti
Auditorium Ospitalia, ore 18.00

Sabato 4 luglio La rinascita del violoncello da spalla
Daniela Gaidano e Alessandro Visintini

Giovedì 9 luglio Norma e il jazz – incontro con Paolo Silvestri
in collaborazione con il Saint Louis College of Music di Roma

Sabato 18 luglio In collaborazione con Classica HD:
Caravaggio
Teatro alla Scala (ore 21.30)

Domenica 19 luglio Incontro con Piero Maranghi , direttore di Classica HD

Mercoledì 22 luglio Bande musicali e formazione nella storia spezzina
Luca Bianchi (Conservatorio “Puccini” – La Spezia)

Martedì 28 luglio Quando un musicista diventa regista
Federico Mottica

Giovedì 30 luglio Guido Festinese presenta il suo libro Mare Faber. Le storie di Creuza de ma (Galata, 2019) e ci propone un viaggio trasversale attraverso i temi del Levanto Music Festival

Sabato 8 agosto Una finestra in Toscana
Mirella Di Vita, Tiziana Canfori

Venerdì 4 settembre Classico o jazz?
Johannes Faber e Mesconia Quartet (sede in via di definizione)
Sabato 5 settembre L’organizzazione musicale e la produzione di concerti
Michel Balatti (questo incontro si terrà presso Park Hotel Argento)

Giovedì 10 settembre Dalla didattica alla composizione: i palazzi della memoria in musica
Roberto Cipollina

Concerti e incontri sono a ingresso gratuito, previa prenotazione obbligatoria.
In caso di maltempo i concerti previsti nelle piazzette saranno spostati sotto la Loggia.