Chiavari: aumento di capitale per Wesii, una delle startup di Wylab

Dall’ufficio stampa di Wylab riceviamo e pubblichiamo

Wesii, una delle principali startup di Wylab, ha completato nei giorni scorsi un aumento di capitale da un milione di euro complessivo, che le consentirà di sviluppare numerosi progetti, sia in chiave attuale che in proiezione futura.

Il funding raise vede la partecipazione di tre nuovi investitori: DXT Commodities, Innovation Holding e LigurCapital.

Mauro Migliazzi, founder e Ceo di Wesii, azienda che si occupa, principalmente, del monitoraggio degli impianti fotovoltaici attraverso lʼutilizzo di droni e delle più sofisticate e moderne tecnologie, spiega i motivi che lo hanno indotto a chiedere lʼaumento di capitale: “Intanto, abbiamo la necessità di sviluppare al nostro interno soluzioni sempre più innovative, che ci consentano di differenziarci rispetto allʼattuale concorrenza, a livello internazionale. Wesii è attualmente leader in Italia nel suo settore, ma ha di recente avviato un processo di internazionalizzazione con lo scopo di andare a competere con i principali player a livello mondiale. Lʼaumento ci consentirà, quindi, di incrementare le risorse interne e di sviluppare servizi sempre più moderni allʼinterno del nostro programma Elios”.

Nello specifico, Migliazzi prevede: “Lo sviluppo di un software potenziato, il miglioramento e lʼefficientamento del portale web, anche con lʼobiettivo di renderlo maggiormente fruibile ai portfoli globali, attraverso lʼinserimento di nuove features. Parallelamente, prevediamo di sviluppare la mobile app, in modo da rendere i clienti sempre più autonomi per quanto riguarda i rilevamenti sul campo. Inoltre, intendiamo potenziare tutto il settore del processing delle immagini, anche con lʼutilizzo di nuove tecnologie di machine-learning e di intelligenza artificiale. Sono tutti piani di sviluppo in vista dellʼapplicazione di Wesii non solo agli impianti fotovoltaici, ma anche a quelli eolici, che prevediamo di avviare a partire dal 2021”.

Wesii, fondata e guidata da Mauro Migliazzi, è attualmente partecipata dallo stesso Migliazzi, oltre che da Wylab e da Banca Patrimoni (Gruppo Banca Sella).

Federico Smanio (Ceo Wylab) afferma: “Siamo veramente orgogliosi di questo importante traguardo raggiunto da Wesii. Mauro Migliazzi ha saputo forgiare una realtà altamente innovativa nata a Chiavari, indirizzandola verso un settore diverso dallo sport, primo ambito di applicazione del progetto, e diventando leader di mercato. Ora, grazie a questa nuova iniezione di capitale, Wesii è pronta ad affrontare lo stadio successivo, molto più sfidante, dellʼinternazionalizzazione. Se la dovrà vedere con competitor di alto livello, ma sono certo che saprà affrontare e vincere anche questa sfida perché si è circondato di professionisti capaci. Per farlo ha pianificato nuovi sviluppi non solo in ambito tecnologico ma anche nei processi e nellʼorganizzazione delle risorse umane. Mauro, a ragione, tiene enormemente al suo team e dedica unʼattenzione maniacale alla riflessione sullʼutilizzo sapiente dei talenti e alla crescita delle sue persone. Wylab ha un ruolo importante in questo processo di sviluppo, aiutando la startup sia dal punto del supporto logistico e consulenziale che nella ricerca attiva dei finanziatori”.

Federico Piccaluga e Mattia Giussani (DXT Commodities) aggiungono: “DXT Commodities S.A. è leader nella gestione di impianti rinnovabili, con contratti di acquisto di energia per oltre 3500 MW di potenza installata. DXT rappresenta da anni il principale punto di riferimento per i più importanti produttori del settore rinnovabile, che cercano un trader strutturato in grado di seguirli con servizi ad- hoc di elevata qualità: grazie ad un team composto da analisti e trader, nonché allʼutilizzo di sofisticate tecnologie sviluppate in casa, DXT contribuisce allʼottimizzazione dellʼenergia e dei certificati di origine generati dagli impianti rinnovabili.

Con questa operazione DXT Commodities si propone di integrare la propria gamma di servizi per andare incontro alle esigenze sempre più ricercate dei produttori di energia rinnovabile, come ad esempio un monitoraggio sofisticato, lʼanalisi predittiva di eventuali guasti ed un supporto continuo allʼanalisi della redditività degli stessi impianti. Al contempo, Wesii potrà contare su un partner importante e con una forte esperienza internazionale come DXT in grado di fornire le risorse necessarie per incrementare il proprio giro di affari e lo spettro di soluzioni offerte, estendendo per esempio le ispezioni aeree anche a nuove tecnologie di produzione”.

Andrea Benveduti, assessore allo Sviluppo Economico della Regione Liguria, dichiara: “Siamo molto contenti che il fondo regionale da 5 milioni di euro di Ligurcapital, istituito proprio per finanziare start up con operazioni di equity o semi-equity, stia supportando, anche attraverso la sinergia pubblico-privato, la creazione di nuove imprese in Liguria. Wesii è una delle tredici operazioni che al momento sono state accolte dal Comitato di Investimento, che impegnano il 70% del fondo e che hanno generato un effetto leva pari a circa 4 volte lʼinvestimento. Ricordiamo inoltre che a partire dal 30 giugno, attraverso Ligurcapital, saranno attivi bandi regionali per complessivi 16 milioni di euro per il rafforzamento patrimoniale delle imprese. Con questo intervento, che prevede un fondo dedicato da 1,5 milioni alle start up, Regione Liguria andrà a sostenere le aziende direttamente con lʼingresso nellʼazionariato. Questo perché vogliamo non solo concretamente mettere risorse finanziarie a loro disposizione, senza appesantire la struttura debitoria del bilancio, ma anche simbolicamente affiancarle nella loro attività, condividendone il rischio dʼimpresa”.

Un drone di Wesii