Rapallo: porto, gli avvocati studiano le carte

Nessuna notizia clamorosa, né indiscrezioni che lascino intuire il futuro del porto Carlo Riva. Dopo le dimissioni dei vertici (Andrea Dall’Asta, Marina Scarpino) la società si preparerebbe a resistere contro la possibile revoca o decadenza della concessione. Per altro questo è il tempo in cui gli avvocati studiano le carte.

Nel silenzio totale le domande sono molte. In realtà le risposte potrebbero arrivare dalla Procura: la diga rinforzata nel 2000 ottenendo una proroga della concessione di 35 anni era stata eseguita a regola d’arte? E’ crollata per le condizioni di una mareggiata anomala o perché mal costruita?

Domani intanto il sindaco Carlo Bagnasco incontrerà i capigruppo che probabilmente indicheranno il loro punto di vista sulla revoca della concessione.