Portofino: oggi 50 corse; a luglio quelle serali

Dall’ufficio stampa di Atp Esercizio riceviamo e pubblichiamo

Il rilancio turistico del Tigullio sale in bus e passa anche attraverso
l’aumento delle corse sulla linea 82 tra Santa Margherita e Portofino.
Così, rispondendo anche a una richiesta degli operatori turistici e delle
amministrazioni, dallo scorso fine settimana le corse sono passate a 50
giornaliere tra andata e ritorno. L’orario – che alleghiamo – sarà valido
sette giorni su sette. Anche per rendere più facile ricordare gli orari ai
passeggeri, si è scelto di cadenzare le partenze ogni mezz’ora. Da Santa
Margherita per Portofino la prima partenza del giorno è fissata alle 7.07
e l’ultima alle 19.07. Da Portofino per Santa Margherita prima partenza
alle 7.30 e ultima partenza alle 19.30. «I primi dati sono confortanti e
anche se non c’è un’occupazione dei posti del 100 per cento come avveniva
in passato, siamo già attorno al 60 per cento con una tendenza verso
l’aumento percentuale. Questo è molto importante per il turismo che resta
il motore del levante ma anche per i conti di Atp che devono restare in
ordine» – commenta Andrea Geminiani, coordinatore generale di Atp
Esercizio. Poi, rispetto alla richiesta arrivata da amministratori locali,
operatori turistici e cittadini rispetto a corse serali, Geminiani
assicura: «Come abbiamo ribadito ai sindaci di Santa e Portofino,
l’obiettivo è arrivare a un orario serale, sempre cadenzato e magari con
partenze ogni ora. Lo faremo già all’inizio di luglio e poi verificheremo
giorno dopo giorno se sarà il caso di aumentare le corse». Il servizio è
fruibile con il tradizionale titolo di viaggio “Portofino Pass”: la
tariffa è di 3 euro per la sola andata e di 5 euro per l’andata e ritorno.
I titoli di viaggio che a seguito dei dispositivi anti Covid non possono
essere acquistati a bordo. Continuano a valere anche per la linea 82,
naturalmente, biglietti e abbonamenti dei residenti. Nel corso della
stagione estiva saranno incrementati anche i controlli a bordo. Dunque Atp
consiglia ai passeggeri di dotarsi sempre di permesso di viaggio. Atp
ricorda che chi paga subito può cavarsela con 40 euro di sanzione, che
diventano 60 euro oltre al prezzo del biglietto per chi paga entro 5
giorni e 105 euro per chi paga dal sesto al sessantesimo giorno. Trascorsi
i 60 giorni la sanzione diventa di 280 euro oltre a spese ed interessi e
viene attivata la riscossione forzosa tramite Agenzia delle Entrate
Riscossione.

linea 82