Lettere/ Camogli: “La salute prima di tutto!”

Da Giorgio Casciscia riceviamo e pubblichiamo

Ecco l’aria salubre che i lavori in atto nell’ex scalo ferroviario fanno respirare agli abitanti e frequentatori del mio palazzo, a quelli dei condominii limitrofi e a tutti i passanti!

Senza contare il gravissimo inquinamento acustico provocato quotidianamente dalle trivelle, dalle escavatrici e dai camion.

E tutto questo non per realizzare opere di interesse pubblico bensì esclusivamente una valanga di boxes privati dall’inesistente tornaconto per la cittadinanza!

Credo che, in futuro, i camogliesi dovranno ricordarsi bene di tutti coloro che, a suo tempo, hanno ideato, perorato, suffragato e, comunque, non certo ostacolato, la realizzazione di uno sciagurato progetto!