‘Santa’: “Bandiera blu, anche le spiagge vanno curate”

Dall’ufficio stampa di “Progetto Santa Insieme con Voi” riceviamo e pubblichiamo

Ci rendiamo perfettamente conto che mai come oggi, in un momento di incertezza per la salute e per l’economia, anche una bandiera blu concessa al nostro Comune rappresenta una bella speranza per la stagione turistica ormai imminente. Per questo motivo riteniamo doveroso complimentarci con tutti coloro che hanno reso possibile la concessione di questo riconoscimento. Detto ciò, purtroppo, ci tocca lamentare lo stato indecoroso in cui versano le nostre poche spiagge libere. Da anni l’Amministrazione Donadoni non dispone operazioni di riordino e riqualificazione delle stesse, ad esclusione, va ricordato, della faraonica scala che permette l’accesso alla “Bau bau beach”, non  propriamente in armonia col paesaggio. Mancano interventi, ad esempio dal castello di Paraggi, dal Regina Elena e in Ghiaia, le spiagge libere sono abbandonate e mal curate. 
Sarebbe, a nostro avviso, opportuno emanare un bando locale per bagnini destinati alle spiagge libere, per regolamentare non solo l’afflusso ma anche la permanenza nelle stesse alla giusta distanza durante l’arco della giornata. Questa soluzione consentirebbe, non solo di aumentare in sicurezza il numero di bagnanti, ma anche di dare un’occupazione stagionale a un certo numero di giovani sammargheritesi. Siamo infine totalmente contrari al pagamento di un ticket, come paventato in questi giorni, in quanto violerebbe un diritto fondamentale di tutti. Forza Sindaco Donadoni, lasci le favole nel suo ufficio ed esca, verifichi lo stato degli arenili e provveda. Oggi c’è bisogno di realtà.