Recco: “Covid, i dati custoditi dal sindaco”

Da Immaginarecco e dai suoi consiglieri Sergio Siri e Marcello Napoli riceviamo e pubblichiamo

Oggi 22 maggio 2020 l’Asl 3 di Genova nella persona del direttore Dott.ssa Boccardo ha risposto alle nostre lettere del 23 aprile e 15 maggio in cui chiedevamo chiarimenti sulla mancanza delle loro comunicazioni relativi ai malati, defunti e domiciliati affetti di “Covid 19” nella nostra Città, come denunciato nei vari video dal Sindaco Carlo Gandolfo.  

La risposta ci stupisce e non poco.         

Si legge testualmente:   
“il Dipartimento di Prevenzione, trasmette al Sindaco del Comune di Recco, i dati dei soggetti notificati come positivi al Covid 19 e i soggetti definiti “contatti stretti dei positivi Covid 19″, in quarantena con sorveglianza sanitaria attiva o in permanenza domiciliare fiduciaria in quanto provenienti dall’estero e residenti nel vostro Comune di Recco. Tali dati vengono raccolti e aggiornati quotidianamente, questa delicata attività necessita di una continua collaborazione, ad oggi presente, con tutti i Comuni del territorio genovese coinvolti nella gestione dell’emergenza sanitaria covid-19.”     

Quindi i dati sono disponibili all’Amministrazione comunale, come da noi sempre sostenuto, e con quei dati si potevano non solo informare senza allarmismi la popolazione, ma anche far maturare maggiormente nelle persone una consapevolezza sulla situazione che andava a maturarsi giorno dopo giorno, come molti comuni anche limitrofi (o comunque Asl 3) avevano deciso di fare.  
Inoltre, questi dati erano fondamentali anche per valutare l’impatto che l’epidemia poteva avere sulla Rsa del territorio comunale, soprattutto a seguito delle gravi informazioni che giungevano dalle regioni vicini, oltre all’impatto sulla popolazione più anziana di Recco che risulta essere la quota parte maggioritaria dei residenti.

Si legge ancora:
“l’impatto dell’epidemia Covid-19 sulla mortalità totale della popolazione residente nel Comune di Recco viene elaborata grazie ai dati provenienti dalla fonte anagrafica comunale di Recco a cui afferiscono tutte le schede di morte Istat dei cittadini ivi deceduti e comunicata agli Enti competenti”.

La linea assunta dal Sindaco di non offrire un’adeguata spiegazione sull’emergenza Covid nel nostro territorio unita al non aver voluto seguire indicazioni o suggerimenti delle minoranze tutte (spesso allineate su più fronti), senza volerci coinvolgere o ignorandoci, apre a numerose domande, la prima su tutte, perché?