Rapallo: piscina, un signor progetto da sette milioni

Il coronavirus colpisce indirettamente anche la piscina del Poggiolino a Rapallo. Meno ingressi durante la gestione sportiva sociale di questi mesi e grosse incognite per quella estiva fatta di bagni di sole e nuotate in piscina. Inoltre crescono le spese per l’acquisto di mascherine, guanti, sanificazioni, termoscanner per misurare la temperatura corporea e quant’altro.

Ieri il vicesindaco Pier Giorgio Brigati ha indetto una riunione, in cui non si parlato di agonismo, presente per il Comune anche l’assessore al bilancio Antonella Aonzo. L’attività che svolge Rapallo Nuoto e Pallanuoto è importante per la città, non solo sotto il profilo agonistico; il Comune andrà quindi incontro alla società o economicamente o studiando una proroga.

Durante la riunione di ieri si è però parlato anche di un altro tema, quello della riqualificazione della piscina per cui esiste un progetto da sei-sette milioni. Prevede un palazzetto dello sport dove è l’attuale vasca; una piscina da cinquanta metri coperta ma scopribile in estate, con tribune, spogliatoi e quant’altro; dove è la piscina per bambini nascerà una vasca da 33 metri; prevista la costruzione di palestre e di posteggi interrati.

A proporre al Comune il progetto è una Associazione temporanea di Imprese (Ati). Il progetto, ora di massima, andrà messo a gara per capire se ci sono altre imprese che vogliano concorrere a condizioni migliori di quelle esposte dall’Ati proponente.

Il leasing costruendo prevede che la spesa sia a carico del Comune. L’Ente pubblico, una volta ultimati i lavori, inizierà a pagarli a rate spalmate su 20-30 anni. Per tale periodo resta a carico dell’Ati la gestione e la manutenzione ordinaria e straordinaria; a garanzia che i lavori vengano eseguiti a regola d’arte per non dover poi ricorrere a spese straordinarie. Naturalmente quest’ultimo argomento andrà approfondito in ulteriori riunioni con il sindaco Carlo Bagnasco e con l’assessore ai Lavori pubblici Filippo Lasinio.

Il vicesindaco Pier Giorgio Brigati