Rapallo: l’incognita dell’apertura delle frontiere

Regioni divise dal coronavirus. Tutti gli operatori turistici  in attesa di un nuovo Risorgimento che consenta di superare i confini e arrivare al mare. La data che circola è quella del 3 giugno, ma è difficile fare previsioni. Sarà complicato poi garantire che gli ospiti osservino le regole più elementari: mascherina (portata su naso e bocca e non sul mento). In attesa della data certa, si susseguono comunque le riunioni come è avvenuto stamattina a Rapallo.

Lo racconta il sindaco Carlo Bagnasco: “Questa mattina ho incontrato  il presidente dell’Associazione albergatori Giacomo Carpi e l’amministratore delegato di Excelsior Palace Hotel Aldo Werdin. L’amministrazione ha espresso fortissima volontà di sostegno agli operatori del settore turistico e alberghiero, reparto di notevole importanza occupazionale ed economica per il nostro territorio”