Ne: messaggi di speranza dai bambini della Val Graveglia

Dall’ufficio stampa del Comune di Ne riceviamo e pubblichiamo

Il Covid-19 non spegne la voce dei più  piccoli abitanti della Val Graveglia,che si fa sentire forte attraverso piccoli gesti, ma carichi di significato e di cuore.

Cominciamo con i bimbi “rossi, gialli e blu” (distinzione fatta dalle maestre per fasce di età- 3,4,5 anni) della Scuola dell’Infanzia di Chiesanuova che hanno abbracciato virtualmente il loro asilo con una lunga catena di magliette da loro dipinte, in un girotondo di colori pieno di malinconia e speranza. Mancano gli amici, le maestre, i bidelli, i giochi, le storie… tutto ciò che rende viva una scuola!

E poi c’è la classe V della Scuola Primaria Nicholas Green, alla quale il Coronavirus ha tolto  l’occasione di trascorrere una bella giornata a teatro, ed è così che nasce allora l’idea di donare la quota di partecipazione per aiutare chi, ogni giorno, fa del bene per gli altri. A beneficiarne sarà la Croce Verde Chiavarese – sezione di Ne, che, attraverso l’operato dei suoi  militi,  permette di ringraziare, per estensione, tutti gli operatori sanitari che stanno lottando, in prima linea, contro questo virus che in poco tempo ha stravolto davvero le vite di tutti, nessuno escluso. I ragazzi hanno raccontato poi, attraverso degli elaborati che verranno appesi nella sede della Croce Verde di via Aldo Moro a Ne , la vita all’epoca del Coronavirus, vista attraverso i loro occhi.

Anche l’Amministrazione Comunale ci tiene a ringraziare  la Croce Verde di Ne per il suo impegno quotidiano  e per la solerzia con cui porta avanti il progetto “Spesa Sospesa” in collaborazione con Ipercoop Carasco, del quale molte famiglie del territorio comunale di Ne stanno beneficiando in questo difficile periodo.