‘Santa’: le risposte alle domande più frequenti

Dall’ufficio Comunicazione del Comune di Santa Margherita Ligure riceviamo e pubblichiamo

Risposte alle domande più frequenti

Dove si possono reperire le autodichiarazioni per gli spostamenti?

Si possono scaricare dal sito internet del Comune di Santa Margherita Ligure. Oppure si possono scaricare dal Facebook del “Comune di Santa Margherita Ligure” o “Donadoni Sindaco”. Chi non è dotato di stampante, può ritirarne una copia cartacea presso il municipio, a piano terra, allo Sportello 4. In ogni caso chi non ne fosse munito, può compilare anche il modulo fornito direttamente dagli agenti in occasione del controllo.

Posso andare ad assistere un parente non autosufficiente per portargli la spesa o i farmaci?

Si, se rappresenta una condizione di necessità. È quindi richiesta una certificazione medica che attesti la patologia dell’anziano e il bisogno di assistenza famigliare. In ogni caso si ricorda che il Comune di Santa Margherita Ligure ha previsto un servizio domiciliare gratuito per chi ha questa necessità, in modo da evitare spostamenti dei cittadini. Basta contattare il numero  334-6685758.

Se abito in un comune e lavoro in un altro, posso fare avanti e indietro?

Si, per il tempo strettamente necessario all’esercizio dell’attività lavorativa, il cui Codice ATECO deve risultare tra quelli autorizzati dai DPCM.

I residenti di Portofino possono approvvigionarsi dei beni di prima necessità a Santa Margherita Ligure?

Si, data l’impossibilità di garantire il soddisfacimento delle esigenze di approvvigionamento di beni primari nel Comune di Portofino. È però vivamente consigliato di limitare gli spostamenti ad un componente per nucleo famigliare e di approvvigionarsi per più giorni, in modo di uscire di casa il meno possibile.

I negozianti di esercizi commerciali chiusi, in quanto attività di commercio al dettaglio non ricomprese nell’allegato 1del DPCM 11.3.2020, possono accedere al loro locale?

Si, ma esclusivamente per controlli finalizzati ad evitare danni agli impianti e/o alle merci, o comunque per ragioni di necessità, e tenendo completamente abbassata la serranda o, in assenza di serranda, chiudendo a chiave la porta.

La vendita a domicilio è equiparabile alla vendita da asporto?

No. Il DPCM 11.3.2020 non prevede autorizzazione per la vendita da asporto.

Se sono un commerciante al dettaglio come faccio a sapere se il prosieguo della mia attività è autorizzato o meno?

Devo guardare l’allegato 1 del DPCM del 11.3.2020.

Se ho una attività produttiva come faccio a sapere se il prosieguo della mia attività è autorizzato o meno?

Devo guardare all’allegato 1 del DM MISE del 25.3.2020, da oggi in vigore.

Quindi valgono sia l’allegato 1 del DPCM dell’11.3.2020 sia l’allegato 1 del DM MISE del 25.3.2020?

Si, perché riguardano casi diversi. Il primo si riferisce al commercio al dettaglio, il secondo alle attività produttive industriali o commerciali.

Come si devono comportare i genitori separati o divorziati nella gestione dei figli? Possono proseguire negli spostamenti per incontrare i figli?

Si, possono proseguire a comportarsi secondo le condizioni stabilite nel provvedimento del Tribunale.

Possiamo andare in motorino in due?

No, non essendo possibile garantire la distanza di un metro. È possibile soltanto per le persone che coabitano. Ricordando però che i motivi per cui è consentito uscire di casa ed effettuare trasferimenti sono stabiliti dalla legge.