Sesta Godano: virus, i consigli di Mangia Trekking

Da Mangia Trekking riceviamo e pubblichiamo (Ricordate che il decreto Conte vieta le passeggiate del tipo indicato; si può uscire da casa solo per lavoro; cure mediche; necessità comprovate)

Dai diversi territori in cui vive ed è operativa l’associazione Mangia Trekking (dal mare alle lontane montagne dolomitiche ) , giovani e meno giovani, intervengono a proposito del progetto “ fare e conoscere ” l’iniziativa che per i suoi contenuti, viene sostenuta e promossa dal Parco Nazionale delle Cinque Terre e dal Parco Nazionale dell’Appennino Tosco Emiliano. Dal Parco Regionale di Porto Venere e dal Parco Regionale di Montemarcello Magra Vara.

Un “piano di lavoro”  che da alcuni giorni, si propone di contribuire ad essere un valido antidoto mentale al Covid-19 che ci costringe in casa. Sui social si aggiungono, tanti contributi, immagini, e suggerimenti  per impegnare  il tempo in modo utile e propedeutico all’Alpinismo Lento. L’attività che coniuga alpinismo/escursionismo con cultura, tradizione e religione, in una realtà turistico sportiva a favore dei territori.

Al momento tra gli argomenti più dibattuti vi è l’alimentazione. Per esempio, Maria di Sarzana propone di consumare verdure di stagione locali, con particolare attenzione al cavolo, che ha importanti proprietà antitumorali.

La giovane ingegnere, Silvia di Matera, suggerisce colorati e leggeri “centrifugati” che sono ricchi di vitamine. La sua ricetta per due persone è: “due arance, due mele, mezzo limone ed una carota, con l’aggiunta di un piccolo pezzo di zenzero”. Quest’ultimo in quanto eccellente antinfiammatorio e digestivo.

Facendo riferimento invece al “sistema nervoso autonomo”, viene evidenziato quanto in questo momento, sia importante ascoltare buona musica, ed essere sereni, tranquilli ed in forma, perché gli stati d’ansia e di timore contribuiscono a ridurre le difese immunitarie.

In tal senso, Alessandra di La Spezia invita a praticare il “Plank”, un esercizio fisico che stabilizza la colonna vertebrale e tonifica la muscolatura dell’intero corpo. Sono necessari almeno 30 secondi di contrazioni isometriche ripetute almeno 4 volte per avere un valido aiuto a migliorare la postura e l’elasticità corporea.

Mentre, Mara di Lucca, per distendere la mente e continuare a praticare l’alpinismo lento negli splendidi ambienti naturali propone immagini del Tigullio osservato dalla vetta del Monte Porcile.

Maria e i cavoli

Silvia e i centrifugati
Alessandra e il plank
Il Tigullio dal Monte Porcile (attività vietata in questi tempi da decreto Conte)